PADOVA: ECCO PERCHÈ LA MOSTRA SUI DINOSAURI È STATA UN FLOP

01.adeopapposaurus._foto_claus_rammelRispondendo ai rilievi di Sergio Giordani sul deficit accumulato dalla mostra sui dinosauri al San Gaetano l’ex sindaco Bitonci e il suo assessore alla cultura Cavatton – pur ammettendo un passivo contenuto – hanno evidenziato che con i suoi 170mila visitatori l’esposizione è stata la più visitata di sempre a Padova.

Per capire chi ha ragione bisogna porsi preliminarmente una domanda: perché si organizza una mostra? Le risposte, in estremissima sintesi, sono due: per fare cultura o per fare soldi. Temo che da questo punto di vista gli obiettivi siano entrambi falliti.

Le mostre che fanno cultura sono quelle che valorizzano una ricerca o una scoperta, e che lasciano un’impronta significativa nell’ambito della disciplina in cui si muovono o nel territorio che le ospita, promuovendo le risorse scientifiche, artistiche o umane che esso esprime. Mi pare di poter dire che nessuna di queste condizioni si è verificata nel caso della mostra sui dinosauri. Ciò che invece era accaduto ad esempio con una mostra numericamente meno visitata, come quella del 2013 sul Bembo, ma di cui ancora si parla nel mondo (e non solo in quello accademico), o in precedenza con quella sul “futuro di Galileo”: senza negarsi, peraltro, alle emozioni e al divertimento, che devono essere le altre componenti (importanti ma non esclusive, sennò sarebbero dei luna park) di queste iniziative.

Ma, come si è detto, Bitonci e Cavatton BitonciCavatton replicano con i numeri e le ricadute economiche. Anche qui, il trionfalismo pare poco giustificato: per fare un paragone, la mostra sugli Impressionisti in corso a Treviso (cioè una città con metà degli abitanti di Padova) sta realizzando numeri di gran lunga superiori, con visitatori da tutta Italia e ricadute di immagine incommensurabili rispetto a quella dei dinosauri, e soprattutto nessun costo per il Comune, che anzi si è portato a casa (a spese dei promotori di Linea d’Ombra) un restauro da 600mila euro dei locali che la ospitano.

Possiamo dunque convenire con qualche addetto ai lavori: se Il Sole 24 ore, organizzatore della mostra sui dinosauri, fosse riuscito a stipulare in altre città italiane altri contratti analoghi a quello – munifico – strappato a Padova, non avrebbe i bilanci disastrati.

Quanto all’amministrazione Bitonci, anche in questo caso si conferma che nella gestione della cultura ha gestito male le già scarsissime risorse pubbliche, e reso alla città un servizio mediocre.

Pubblicato in politica | Lascia un commento

SONO IN PENSIONE…

IMG_2203Per principio non parlo mai pubblicamente del mio lavoro, né di me, ma qui faccio un’eccezione, visto che da oggi sono in pensione, anticipata grazie purtroppo alla pesantissima crisi che sta investendo il mondo dell’informazione, colpito a tutte le latitudini da un drammatico calo di risorse (copie vendute e pubblicità) che rischia di minarne la qualità e l’autorevolezza (e con esse la qualità della democrazia, Trump insegna).

Ma se permettere, oggi non intendo parlarvi di questo, ma – un po’ presuntuosamente – di me stesso e del mio lavoro di giornalista: un lavoro che mi ha dato tantissime opportunità, mi ha permesso di occuparmi da vicino dei fatti della gente, esaudire molteplici curiosità, incontrare personaggi straordinari, vedere luoghi che non avrei mai visitato: e per raccontare tutto questo sono stato anche pagato… Certo, non sono state tutte rose e fiori, ma se devo tracciare un bilancio, direi che la quantità di arrabbiature che il lavoro mi ha procurato negli anni non si è nemmeno lontanamente avvicinata alle soddisfazioni che ho ricevuto.

I MIEI NON-SCOOP

Anche se non ho all’attivo grandi scoop, né articoli memorabili, né reportage da guerre lontane o paesi esotici, svuotando cassetti e scaffali in ufficio, nei giorni scorsi, mi sono ripassati davanti decine di episodi, incontri, situazioni degni di nota, testimonianze di un tentativo costante (e con esiti naturalmente altalenanti) di guardare e raccontare la quotidianità da punti di vista non consueti: non a caso fra i miei articoli che hanno avuto maggiori riscontri, uno riguardava… i patimenti infiniti per il restauro della mia casa (decine e decine di lettere), l’altro (ripreso persino in Germania, Belgio e Giappone) una singolare iniziativa concepita in un bar del mio Altopiano, dove qualche anno fa si installò un orologio marcatempo con tanto di cartellino da far timbrare… agli avventori.

IL GIORNALISMO BUONO

In generale, comunque, ho sempre cercato di essere prima un giornalista “buono” che un “bravo” giornalista, convinto (con Kapuscinski) che il rispetto e l’empatia verso le persone – piuttosto che il cinismo, come si ritiene comunemente – siano le condizioni essenziali per svolgere bene questo mestiere: anche se più di una volta mi sono trovato a domandarmi se quello che stavo facendo fosse utile, o non piuttosto dannoso, per la collettività. In ogni caso, comunque, ho sempre avuto come giudice del mio lavoro la mia coscienza, più che il giudizio dei miei direttori o degli stessi lettori. Certo, di errori ne ho fatti molti, ma mai in malafede, e se non sempre ho potuto raccontare tutta intera la verità delle cose, non ho mai scritto niente che sapevo non essere vero.

LE DOMANDE DA PORSI

Non credo poi di essere mai stato ruvido o aggressivo, ma ho sempre posto (e mi sono posto) le domande che andavano fatte, anche quando erano scomode e sgradevoli, ripetendole se necessario, quando le risposte erano evasive, e regolandomi poi di conseguenza. A ben vedere, questa è l’unica cosa di cui vado fiero, e che mi piacerebbe trasmettere ai colleghi più giovani e a coloro che – anche di questi tempi – cercano ancora di accostarsi a questo mestiere: ben sapendo che la loro strada sarà molto più in salita della mia.

 

Pubblicato in personale | 2 commenti

L’ITALIA E’ MALMESSA, MA NON FA COSÌ SCHIFO

Ma siete sicuri che come Paese facciamo così schifo? Io per niente, anzi!

RigopianoQuale paese europeo sta sopportando contemporaneamente problemi come un’immigrazione incontrollata, un terremoto continuo, un’emergenza neve mai vista? Con in più un atteggiamento anti-Stato così radicato da risultare patologico, alimentato da un’attitudine storica, atteggiamenti quotidiani diffusi (che riguardano, ovviamente con diversi livelli di colpa, le organizzazioni criminali, la malapolitica e i normali cittadini) e ciniche strumentalizzazioni politiche che non si fermano nemmeno davanti alle tragedie?

APPRODO NATURALE DEI MIGRANTI

profughiSul primo punto è presto detto: siamo una penisola protesa verso il buco nero dell’Africa, il continente più disastrato da cui milioni di giovani che puntano a un futuro migliore vogliono andarsene. E verso quale meta possono dirigersi, se non attraversare l’incontrollabile Libia e raggiungere via mare l’Italia? Noi li salviamo e poi li ammucchiamo disordinatamente da qualche parte: certo non è molto civile, sarebbe meglio controllarli, distribuirli, gestirli, dare loro delle opportunità oppure rimandare indietro chi non ha il diritto di stare da noi… Ma c’è davvero qualcuno che pensa – al di là delle strumentalizzazioni politiche – che sia un percorso facile?

TERRITORIO FRAGILE

Anche sul terremoto (e la neve) c’è poco da dire: è la natura che si accanisce su un

Amatrice, 24 agosto 2016 (AP Photo/Gregorio Borgia)

Amatrice, 24 agosto 2016
(AP Photo/Gregorio Borgia)

territorio bellissimo ma estremamente fragile. Vi risulta che ci siano altri paesi europei così esposti su questi due fronti? Certo, in Giappone con scosse di questo tenore non ondeggiano neppure i lampadari, ma il suo patrimonio edilizio è stato tutto ricostruito dopo la guerra, i nostri paesi invece sono stati messi in piedi pietra su pietra nel corso dei secoli: di sicuro in molti casi anche il nuovo, in Italia, è stato costruito male e in luoghi pericolosi, ma con quanta colpa dei cittadini, accanto alle omissioni dei politici?

ANTI-STATALISMO E AUTODENIGRAZIONE

E veniamo al terzo punto, l’autodenigrazione e l’atteggiamento anti-Stato: ho sentito cittadini esasperati, in questi giorni, lamentarsi di essere stati aiutati solo dai volontari e dai pompieri, persino giornali titolare sui cani antivalanghe che hanno fatto il loro dovere “contro” lo Stato: certo, chi aspetta soccorsi che non arrivano ha diritto di piangere e gridare, ma chi ha il compito di analizzare le cose dovrebbe chiedersi: ma i pompieri non sono lo Stato, i volontari non sono lo Stato, i cittadini che mandano qualche euro non lo fanno perché si sentono parte di una comunità nazionale? Sono sicuro che ci sono stati ritardi nei soccorsi e inaccettabili lentezze nella ricostruzione, ma c’è stato un solo momento – dallo scorso agosto – in cui la Protezione civile non sia stata pesantemente sotto pressione, e la macchina amministrativa non sia stata strattonata da tutte le parti dalle ripetute emergenze?

Stimolare e controllare va benissimo, ma chi si limita ad alimentare polemiche dai salotti Salvinidoposcitelevisivi dovrebbe chiedersi semmai se questo atteggiamento autodenigratorio generalizzato non ha come effetto immediato quello di inaridire il flusso della generosità popolare: a che pro il cittadino dovrebbe rinunciare a una pizza se poi i soldi offerti vanno a finire nel calderone statale del magna-magna? Tanto vale farsi la pizza e poi tornare a casa a indignarsi davanti alla televisione e sputare veleno sui social, se questo vedono fare dai capipopolo di turno.

EPPURE SIAMO IN PIEDI!

So che non è un discorso molto popolare, ma a me pare – con tutto questo – che sia un mezzo miracolo che il “sistema paese” stia tenendo, e persino reggendo il confronto – negli aspetti essenziali della vita associativa – con paesi che hanno meno problemi, più risorse, più peso politico e molta più auto-stima.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

2016

E’ il tempo in cui gli uomini

tornano a ruggire

e l’unica consolazione dei miti

è vedere le belve

sbranarsi fra di loro,

sperando di essere risparmiati

dagli artigli mortali.

 

Ma durerà poco perché

le ondate del male

travolgeranno presto

anche i lidi più quieti

e a tutti per sopravvivere

verranno richieste

astuzia, viltà e ferocia.

S.F.

Pubblicato in futuro, Poetica | Lascia un commento

LE “DISAVVENTURE” DEL NORDEST LE LE STONATE SIRENE AUTONOMISTE

VenetistiCondivido tutto quello che scrive Paolo Possamai in questo editoriale http://mattinopadova.gelocal.it/regione/2016/08/03/news/nordest-il-mito-dissolto-1.13910557

ma mi sento di aggiungervi qualche considerazione incentrata in particolare sulla prossima consultazione referendaria sull’autonomia del Veneto.

La richiesta di maggiore autonomia per la nostra regione prende le mosse da un assunto di base: noi siamo più bravi degli altri, quindi abbiamo diritto ad autogovernarci, e l’autogoverno del Veneto (e di altre eventuali regioni del Nord a forte vocazione autonomista) avrebbe effetti positivi anche sul resto del paese.

Purtroppo entrambi questi assunti sono mistificazioni: i fatti citati da Possamai smentiscono l’eccellenza veneta, quanto ai benefici “nazionali” di una nostra maggiore autonomia sono tutti d dimostrare, e soprattutto costituiscono l’ultimo dei pensieri per i leghisti. La realtà è che sotto la patina federalista la Lega ha sempre coltivato aspirazioni, anche se confuse e contraddittorie, indipendentiste, e soprattutto ha usato (e intende continuare a farlo) i propri margini di autonomia per fare guerriglia contro lo Stato su ogni terreno in cui si presenterà l’opportunità.

Così stanti le cose viene da domandarsi perché nessuno, neppure la sinistra o i grillini, provi a mettere in discussione le parole d’ordine autonomiste di Zaia & c: forse ci si illude, erroneamente, di poter contemperare gli effetti della probabilissima vittoria referendaria, mentre al contrario si finirà per portare nuova acqua al mulino leghista.

Pubblicato in Nordest, politica | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

CARO LINO TOFFOLO, POSSIAMO RIVELARE FINALMENTE CHE ERI ASTEMIO?

toffoloDei tre veneziani illustri scomparsi in questi giorni (Alvise Zorzi, Piero Zanotto e Lino Toffolo) di Lino ero proprio amico: lo vedevo bambino quando passava a piedi o con la Dune Buggy davanti a casa mia, a Canove (aveva casa a Roana), l’ho conosciuto e apprezzato al Gazzettino (ricordo che Giorgio Lago un giorno gli cedette per scherzo la sua poltrona), più di una volta veniva a sentire i dibattiti che per qualche stagione ho organizzato sull’Altopiano, e non mancava mai di ringraziarmi scherzosamente, dopo qualche recensione, per i libri che gli risparmiavo di leggersi.

L’ultima telefonata c’era stata appena sabato, l’avevo sentito un po’ abbattuto per il recente infortunio a un braccio e stanco per il cuore che faceva le bizze, ma sempre scherzoso: “Con la famiglia che mi ritrovo non posso farne a meno”, mi aveva detto; quasi un imperativo morale, il buon umore, o meglio una piccola recita, ad uso e consumo dei suoi cari: come aveva recitato per buona parte della sua vita, portando in scena per il suo pubblico un certo tipo di personaggio, che gli corrispondeva solo in parte. Lino aveva interpretato infatti (fino agli ultimi anni, quando aveva conquistato soprattutto a teatro una sua ragguardevole e autonoma statura artistica) il veneto che gli italiani si aspettavano, prima della mutazione leghista: un po’ sprovveduto, un po’ disarmato e un po’ beone. In realtà era addirittura astemio; quanto allo sprovveduto, proprio no…

Diceva di sé di essere ignorante, presuntuoso ma molto fortunato: in realtà era un artista a tutto tondo, capace di recitare, far ridere, cantare, scrivere canzoni e dirigere film, ma era anche dotato di una furbizia naturale (che si dimostra nel dissimularsi) e di una intelligenza viva, che si esercitava soprattutto in una grande capacità di osservazione delle umane cose, esercitata però con comprensione piuttosto che con sarcasmo.

Era irresistibile quando raccontava, rigorosamente off records, dei concittadini che lo abbordavano tra le calli di Venezia con un imperioso “Lino, vien qua che te conto ‘na barzeleta”, o che pretendevano di offrirgli “un goto”, confondendo inevitabilmente la persona col personaggio.

Inevitabile, a questo punto, riandare col pensiero a qualche sua battuta che descriveva al meglio le sue doti di osservatore degli uomini e dei tempi: come quando disse dei veneziani che il turista che amano di più è quello che arriva a piazzale Roma, deposita una bella busta gonfia di soldi, e subito se ne va; oppure quando elencò in questo modo le età dell’uomo: bambino, giovane, adulto e… te vedo ben, ritrovandosi naturalmente nell’ultima.

Ora che invece non lo vedremo più, mi piacerebbe salutarlo con un invito: “Lino, al posto dell’immancabile the, concediti finalmente una bella ombra, e… alla salute!”

Pubblicato in cinema e tv, cultura, Nordest, persone | Contrassegnato | 3 commenti

ROGAZIONE

Rogazione_altopiano_di_asiago_2014

 

 

 

 

 

In cammino lungo il confine

dove il paese diventa mondo,

e il mondo paese…

 

…dove l’incontro diventa accoglienza,

l’accoglienza amicizia,

e l‘amicizia comunità

 

…dove la fede si fa storia,

e storia e natura si compenetrano

 

dove le ferite si cicatrizzano,

e i rancori si dimenticano

 

dove il passato incontra il futuro

e insieme danno senso al presente

 

…dove la retorica

si stempera nell’esperienza

 

Con questi pensieri

camminerò domani.

S.F.

Passimigranti

 

Pubblicato in personale, Poetica | Contrassegnato | Lascia un commento

REFERENDUM REGIONALE, SE L’AUTONOMIA DIVENTA UN CAVALLO DI TROIA

IndipendentistiSono diventato un federalista convinto con Giorgio Lago, negli anni ’90 del grande risveglio della questione nordestina e della mobilitazione dei sindaci sulle istanze autonomiste, di cui il Gazzettino all’epoca è stato interprete e promotore.

Ora però, che si sta sviluppando il dibattito tra le forze politiche venete a partire dal referendum chiesto dalla Regione, ho sempre più dubbi che sia davvero positivo che il Veneto acquisisca una maggiore autonomia dallo Stato centrale; e se fossi nel Pd farei molta attenzione a non fare come i troiani con il famoso cavallo… che nella fattispecie ci porterebbe, una volta saliti in groppa, da un’altra parte rispetto a dove ci saremmo aspettati di andare.

IL FEDERALISMO A CORRENTE ALTERNATA DELLA LEGA

Io credo che dietro l’operazione voluta da Zaia ci sia un equivoco di fondo che va chiarito: la Lega è davvero federalista, cioè fautrice di un regionalismo autonomo nell’ambito di un forte stato nazionale, oppure continua a perseguire la divisione del Nord dal resto dell’Italia? A Zaia che sostiene che quella autonomista è una battaglia di tutti i veneti andrebbe ricordato che fu proprio la Lega di Bossi negli anni ’90 a far fallire il movimento dei sindaci, sia perché esso era federalista e non separatista, sia perché non riusciva ad esercitare la sua autonomia su di esso. Ed è lo stesso Zaia che cinque anni fa rifiutò di far partecipare il Veneto ai festeggiamenti nazionali per il 150esimo dell’Unità d’Italia, con la scusa che la nostra regione si unì solo nel 1866, e che quest’anno sta facendo passare nuovamente la ricorrenza nel dimenticatoio. ZaiaSalvini

Io penso che nel Carroccio, al di là della svolta “nazionale” voluta strumentalmente da Salvini, prevalga ancora un forte sentimento revanscista nei confronti di ogni autorità che trascenda il confuso localismo leghista, si chiami Italia od Europa.

IL RISCHIO DI ALIMENTARE LA GUERRIGLIA ISTITUZIONALE GIÀ IN ATTO

Insomma, si vota per l’autonomia oggi e si rischia di dare forza domani non tanto a delle esplicite istanze indipendentiste, ma ad una guerriglia quotidiana fra poteri pubblici che porterebbe alla paralisi del paese, e poco di buono allo stesso Veneto.

Le avvisaglie ci sono tutte già adesso, in tutti gli ambiti in cui c’è concorrenza fra Stato e Regione, e in particolare nella gestione dei flussi migratori, in cui le amministrazioni leghiste rifiutano di cooperare con lo Stato, o anche solo di svolgere le proprie funzioni regolatorie e programmatorie, lasciando i Comuni ad azzuffarsi fra loro, accollandosi responsabilità non dovute. E il recente referendum sulle trivelle non è stato determinato in parte, oltre che da legittime istanze ambientaliste, anche da una meno nobile lotta di potere fra alcuni governatori e il Presidente del Consiglio?

STATO ED ENTI LOCALI DEVONO COOPERARE, NON COMBATTERSI

Tutto questo mentre manca in generale a tutti gli amministratori, e in particolare a quelli del Carroccio, la consapevolezza che Comuni, Regioni e quel che resta delle Province sono tutte diverse articolazioni dello Stato, e in quanto tali devono muoversi nello spirito dalla sussidiarietà (responsabilità dal basso) ma anche della solidarietà.

Che poi sia anche il Governo a tradire un leale spirito di cooperazione con gli enti locali, accollando loro dei compiti ma negando le necessarie risorse, può essere un dato di fatto, ma non sposta la sostanza del problema.

Pubblicato in Caro Zaia, Nordest, politica | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

SREBRENICA E L’ISIS: L’EUROPA DALLA VERGOGNA AL TERRORE

BOSNIA-WAR-ANNIVERSARY-FILESIl caso, che accosta la sentenza odierna sulla strage di Srebrenica agli attentati dell’Isis, mi suggerisce una considerazione forse azzardata, ma suggestiva, e in verità abbastanza drammatica.

Le vittime dell’eccidio del 1995 erano musulmani (gli islamici moderati europei, cit. Massimo Cirri), i carnefici bravi patrioti serbi, impavidi difensori dell’identità cristiana dell’Europa (storicamente amici dei leghisti, en passant).

Ottomila corpi si possono seppellire, ma la loro memoria no. E nemmeno la maledizione dei sopravvissuti sui colpevoli, i complici e i loro correligionari. Bruxelles

L’Europa forse paga adesso con il terrore anche la vergogna di non aver saputo o voluto evitare quella strage, e di aver costruito una “casa comune” in cui in troppi (musulmani, e non solo) si sentono estranei.

Pubblicato in Esteri, immigrazione | Contrassegnato , | Lascia un commento

SPERIAMO CHE IL PARADISO NON ESISTA

Etiopiabambini

 

 

Idomeni

 

 

 

Guardo in televisione

i bambini che sorridono

nei campi profughi in Etiopia

e vorrei trovare le parole

per dire la mia vergogna

di europeo per Idomeni.

 

Mi siedo a tavola e mangio,

vado al cinema, al bar, in vacanza,

mi corico nel letto e cerco di dormire,

ma penso che nessuna parola

basterà a farmi assolvere

se domani, nell’aldilà,

ci sarà davvero un paradiso,

o un inferno,

ad attenderci.

S.F.

Pubblicato in immigrazione | Contrassegnato | Lascia un commento