PD: ANCHE DOPO LA CONFERMA DI NAPOLITANO A SINISTRA RIMANE UNA VORAGINE

ProdiBersani2013.jpgI 101 traditori di venerdì hanno fatto ben di peggio che affossare “un” candidato alla Presidenza del Repubblica. C’è infatti qualcosa di molto simbolico nel fatto che quel candidato fosse Romano Prodi, cioè l’inventore del Pd: è come aver sancito che la sua opera, e quella di migliaia e migliaia di dirigenti e militanti negli ultimi 15 anni, per fornire una adeguata rappresentanza politica alla sinistra riformista italiana che desse voce alle sue diverse anime, è da buttare nel cesso.

Fa rabbia che tutto questo avvenga per colpa di un centinaio fra stolti irresponsabili e criminali politici, che rimarranno nell’ombra, ma la loro condotta non fa che portare alla luce qualcosa di molto più grave e profondo che covava, evidentemente, nel corpo del partito, e non soli ai vertici, e che la carenza di leadership di Bersani ha portato a sedimentare e poi a manifestarsi: e ovviamente nel momento di maggior tensione la struttura è crollata.

Come hanno capito migliaia di militanti che da venerdì si disperano sui social network e nelle case, scoprendo con orrore di condividere quello che dicono i Gasparri, i Sallusti, le Santanchè, i Cicchitto, il voto dei 101 ha aperto nella politica italiana una voragine dalla quale si può solo scappare, chi a destra chi a sinistra.

E anche la riconferma quasi plebiscitaria di Napolitano è solo un cerotto su un vaso gravemente lesionato, come hanno dimostrato le prese di distanza di Cofferati, Barca, Emiliano e moltissimi militanti. 

UN’INTERA AREA POLITICA NON HA PIÙ RAPPRESENTANZA

Dunque il Pd non solo ha perso il diritto (e la capacità) di indicare un proprio nome alla Presidenza della Repubblica che non fosse il vecchio Napolitano, perché chiunque (e prima di tutto Rodotà) sarebbe impallinato da centinaia di “compagni”; quel che è più grave è che il partito – nonostante la validità delle sue idee, la serietà di buona parte dei suoi leader, la passione dei suoi militanti   Festa-PD.jpg– ha dimostrato di non poter rappresentare quella vasta area di sinistra moderata e riformista che dovrebbe costituire l’elemento stabilizzatore della politica italiana (a cui meno di due mesi fa si era affidata la maggioranza sia pure risicata degli elettori), e la garanzia di una politica di rigore e di equità che potesse sfuggire alla morsa dei populismi di Berlusconi e di Grillo.

IL PARTITO DEMOCRATICO DEVE RIFONDARSI

Ma l’interrogativo, ancora più in profondità, è se la forma che il partito si è dato in questi anni (l’unico senza un vertice monocratico) sia adatta ad affrontare questa fase politica, visto che ha portato all’eliminazione di quattro segretari in cinque anni; e se la risposta a questa obiezione – “ma noi siamo pluralisti” – non sia una pietosa bugia per nascondere la realtà di un processo di amalgama fra le diverse anime del partito e di definizione della sua identità che è lontanissimo dall’essersi realizzato.

MA TUTTA LA SINISTRA RIFORMISTA ITALIANA DEVE CHIARIRE COSA VUOL ESSERE

Nelle prossime settimane, comunque vada a finire la partita del Governo, mentre serviranno idee e risorse per fronteggiare il dramma della crisi, il Pd sarà piuttosto impegnato in una infinita seduta di autocoscienza, dalla quale, forse, uscirà con una rifondazione di uomini e di idee. Ma sarà tutto inutile se – a monte – l’intera area della sinistra riformista italiana (aperta, come vediamo in questi giorni, ai richiami più diversi e permeabile a tutte le scorrerie, divisa tra moderazione e massimalismo, tra pragmatismo e indignazione, tra Cancellieri, Bonino, Rodotà) non chiarirà prima di tutto a se stessa che cosa vuole diventare da grande.

PD: ANCHE DOPO LA CONFERMA DI NAPOLITANO A SINISTRA RIMANE UNA VORAGINEultima modifica: 2013-04-20T11:39:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a PD: ANCHE DOPO LA CONFERMA DI NAPOLITANO A SINISTRA RIMANE UNA VORAGINE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *