MONTI IN POLITICA: COME ANTI-BERSANI O ANTI-BERLUSCONI?

MontiBersani2.jpegSta facendo rumore nel mondo politico la notizia che il premier Monti ha consultato l’esperto di flussi elettorali Roberto D’Alimonte, al fine apparente di decidere il “come” (più che il “se”) scendere in campo nelle prossime elezioni o nella prossima legislatura.

La questione si pone in questi termini: se il professore sta alla finestra, Bersani in caso di probabile vittoria gli offrirebbe per il dopo quello che il premier vorrà, esclusa ovviamente la guida del governo: la strada per il Quirinale in particolare gli sarebbe spianata anche dall’endorsement del Pdl, ribadito anche in questi giorni da Alfano.

 

IL PROFESSORE AL QUIRINALE IN CAMBIO DELLA SUA NEUTRALITA’…

Questa soluzione indolore (escluso per Romano Prodi e per quella parte della sinistra che vorrebbe lui invece di Monti al posto di Napolitano) sarà praticabile a due condizioni: la neutralità dell’attuale premier, a fronte della convinzione di veder sostanzialmente rispettata la sua agenda dai futuri vincitori delle elezioni.

Ma se questa condizione venisse meno? Se cioè Monti si convincesse che Pd-Sel-Psi finirebbero per mettere in sordina le sue riforme e le prospettive di risanamento a-la-Merkel dei conti pubblici? E se temesse di finire al Quirinale da presidente “imbalsamato”?

…O IN TRINCEA PER SALVARE LA SUA AGENDA E RIFARE IL CENTRO-DESTRA

A quel punto la tentazione di scendere in campo, non direttamente ma consentendo ai centristi di usare il suo nome, si farebbe più consistente, e potrebbe avere due subordinate: o acconsentire a qualche alleanza ibrida col centro-sinistra per mettere al sicuro il risultato al Senato e al tempo stesso (in cambio dell’appoggio) condizionarne il programma in senso rigorista; oppure proporsi decisamente come l’anti-Bersani, cercando di sfilare a Berlusconi la rappresentanza dei moderati italiani e dei sedicenti tali, e di costruire finalmente anche in Italia una destra europea, conservatrice ma non populista. Operazione questa decisamente spregiudicata, estremamente a rischio vista l’attuale polarizzazione politica, ma che avrebbe potenzialmente sul centro-destra gli stessi effetti della candidatura di Renzi nel centro-sinistra.

Non ci vorrà molto a capire quale sarà la direzione che prenderà il premier.

MONTI IN POLITICA: COME ANTI-BERSANI O ANTI-BERLUSCONI?ultima modifica: 2012-12-11T12:35:14+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *