IL SOCIAL-SPETTATORE, CHE GUARDA LA TELEVISIONE COMMENTANDOLA COL PC

socialspettatore.gifC’è un nuovo spettatore che sta salvando la tv generalista dal crollo prospettato pochi anni fa dagli esperti: sei tu! Si, proprio tu che leggi i blog, dopo aver compulsato Facebook e dato un’occhiata a Twitter.

Di la verità, che adesso la sera, stravaccato sul divano, invece di limitarti come un tempo a saltellare qual e là col telecomando, finendo inevitabilmente addormentato davanti a una puntata di Porta a Porta, ora ti diverti molto di più a commentare i programmi sui social network, digitando sul portatile o sull’iPad appoggiati sulle ginocchia,, o direttamente col cellulare… Non dire che non è vero, perché vedo quello che posti su Facebook o su Twitter: battute sui vincitori di Xfactor, apprezzamenti su questo o quel personaggio in onda su “Servizio pubblico” o da Fazio, condivisioni con gli amici degli interventi di Crozza o Luciana Littizzetto.

 

E’ LA TELEVISIONE INTERATTIVA: NOI CREDIAMO DI GUARDARLA, MA È LEI CHE GUARDA NOI

È l’inizio della televisione interattiva, bellezza! e tu sei diventato, volente o nolente, un social-spettatore. Se non ci credi, sappi che ti hanno contato, e hanno già cominciato ad analizzare come ti comporti. Credevi di essere tu a guardare, e invece sei tu a essere guardato. Come dici, se si vede anche quando ti infili le dita nel naso? Beh no, quello non ancora, per intanto si limitano a studiare come reagisci a questo o quel personaggio, se ami un certo programma oppure un altro, se ti piace ironizzare oppure preferisci indignarti, se con gli stacchi pubblicitari cambi canale oppure no. Ma non manca molto che, in base alle tue risposte sui social network, modificheranno le scalette dei programmi e anche i palinsesti: ad esempio, non ne puoi più di Paolo Crepat e Porta a Porta? Detto fatto, a metà serata Bruno Vespa gli dice “dottore si accomodi”, e fa entrare al posto suo, che so, Belen Rodriguez…

I PROGRAMMI PIÙ SEGUITI SU FACEBOOK  E TWITTER

Scherzi a parte, c’è davvero chi sta analizzando quanto e come i vari programmi – in particolare i talk show – sono seguiti sui social network. Se vi ricordate fu proprio il tam tam su Fb e Twitter a decretare, lo scorso anno, il successo del programma auto-gestito di Michele Santoro su varie, sparse emittenti locali.

Santoro2.jpgE sempre il conduttore di “Servizio Pubblico” è il re dei talk politici sui social network. Su Facebook e Twitter il suo programma registra il maggior numero di fan e di follower ed è anche il più coinvolgente. “Ballarò” si difende per numero di fan su Fb, ma il suo grado di coinvolgimento lascia un po’ a desiderare, mentre “Quinta Colonna” e “L’Ultima Parola” si distinguono per una gestione molto attiva della pagina. Infine “L’Infedele” va (andava) benino su Facebook, ma è assente su Twitter e “Porta a Porta” ha ancora un basso engagement.

A svolgere l’analisi è Blogmeter che, attraverso il tool proprietario di social analytics, ha “pesato”, le performance delle pagine FB e dei profili Twitter ufficiali di questi programmi, confrontandole con il flusso di messaggi generato dagli utenti su Twitter rilevato attraverso il tool proprietario di Social Media Monitoring.

IL PRIMATO DI SANTORO, IL RITARDO DI VESPA

Su Facebook la pagina di “Servizio Pubblico” spicca per la quantità di fan, quasi 310mila, in grado di generare il coinvolgimento più alto in assoluto, 187.797 interazioni, pari a una media di 5.100 commenti per puntata. Alla base di questa capacità d’interazione c’è un mix editoriale che alterna i contenuti relativi alla trasmissione a temi di attualità. Il 7 novembre, ad esempio, la condivisione in rete della foto dell’abbraccio fra Barack e Michelle Obama ha generato 5.016 interazioni, risultando il post più engaging in assoluto.

Dal canto suo “Ballarò” ha una discreta base di fan (74mila) a cui non corrisponde però un proporzionale livello di engagement (solo 29.542 interazioni) tra l’altro calato del 60% rispetto a ottobre. Grande risonanza ottengono i post dedicati alla copertina di Maurizio Crozza e le dediche delle puntate a personaggi “speciali”.

Considerando il livello di coinvolgimento in proporzione al numero di fan, spicca la pagina de “L’Ultima Parola”, che condividendo spezzoni delle puntate ha stimolato 11.605 interazioni tra i suoi 9.712 fan, e “Quinta Colonna”, che pur avendo solo 3.594 fan ha raggiunto 5.834 interazioni grazie anche all’idea di stimolare opinioni sulla puntata in corso.

La pagina de “L’Infedele” (29mila fan), a fronte di un’elevata media di post pubblicati (16,8 post al giorno), riceve una media piuttosto bassa di commenti (106 a puntata), ma riesce a coinvolgere la sua base generando quasi 26.000 interazioni. Il picco dei commenti si è avuto lo scorso 5 novembre, quando molti telespettatori hanno criticato Matteo Renzi, presente in studio, per il lavoro svolto come sindaco di Firenze. C’è da dire che molti spettatori commentano direttamente sul blog di Gad Lerner Il bastardo.

Infine, “Porta a Porta”, forte di quasi 60mila fan, registra la performance peggiore con un total engagement pari a 4.730 interazioni, forse a causa di una scarsa attività (2,1 post al giorno).

ANCHE SU TWITTER VINCE “SERVIZIO PUBBLICO”

Anche su Twitter “Servizio Pubblico” è il più forte. Il suo profilo registra la base di follower più ampia (128mila) e una media di 2.856 menzioni per puntata. Lo scandalo che ha coinvolto l’IDV, affrontato nella puntata dell’8 novembre, ha prodotto 2.329 tweet con l’hahstag #dipietro e anche il tweet più coinvolgente (155 retweet), quello che riporta una citazione di Di Pietro su Gesù e gli apostoli. Briatore è invece il personaggio più citato della puntata del 28 novembre con 3.356 tweet con l’hashtag #briatore, molti dei quali connotati da un tono ironico.

Ottima performance su Twitter per “L’Ultima Parola” che tweettando molto frequentemente rispetto agli altri profili (1.255) e usando quasi sempre l’hashtag ufficiale ha stimolato la partecipazione degli utenti ottenendo un buzz totale di 8.000 tweet contenenti #ultimaparola e 8.160 menzioni. Il punto di forza di “Ballarò” è sicuramente la copertina di Crozza, Crozza.jpgma il fatto che dall’account del programma siano stati postati solo 129 tweet nel mese ha penalizzato la performance in termini di mention.

Per lo stesso motivo “Porta a Porta” si dimostra il più debole sia in termini di follower (8.500), che come menzioni ricevute, una media di 32 a puntata. Infine, l’assenza di profili ufficiali de “L’Infedele” e di “Quinta Colonna” si riflette significativamente sulle citazioni: solo 7.206 per il primo e 2.736 per il secondo.

MA AL TOP C’È XFACTOR

A fare meglio di tutti però è un programma di intrattenimento puro come Xfactor, che fa dell’interazione diretta con lo spettatore il suo punto di forza: tra applicazione, community e pagine non ufficiali supera i 350 amici su Facebook, mentre il suo profilo su Twitter ha quasi 215mila followers.


IL SOCIAL-SPETTATORE, CHE GUARDA LA TELEVISIONE COMMENTANDOLA COL PCultima modifica: 2012-12-12T12:25:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cinema e tv, Informazione, tecnologia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a IL SOCIAL-SPETTATORE, CHE GUARDA LA TELEVISIONE COMMENTANDOLA COL PC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *