BIENNALE ARCHITETTURA: UNA COLTIVAZIONE “SPAZIALE” E UNA MOSTRA TOTALMENTE VIRTUALE

Ecco qualche altra “chicca” dalla Biennale Architettura, che si apre ufficialmente il 29: il primo è un video su un’installazione del padiglione spagnolo, una coltivazione mobile e aerea, con salvia, rosmarino, achillea, iperico, ispirata alle coltivazioni spaziali della Nasa. I contenitori con le piante ruotano come su uno spiedo per ottimizzare lo spazio e l’esposizione solare. I progettisti sono il laboratorio di architettura e biologia Al Aire.

 

Ecco invece una serie di immagini dagli altri padiglioni:

GIAPPONE: è il plastico di un’isola devastata dallo tsunami, utilizzato per far decidere agli sfollati come ricostruire le loro case (alle Artiglierie dell’Arsenale).

foto (26).JPG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GRECIA: un esempio di progettazione condivisa da diversi architetti: condivisione e partecipazione degli utenti sono considerati la strada per cercare di uscire dalla crisi (ai Giardini).

foto (27).JPG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CANADA: strutture di legno che copiano le metropoli multietniche dei giorni nostri, in uno dei paesi più accoglenti per le diverse etnie.

foto (23).JPG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BRASILE: Da uno dei paesi trainanti dell’economia mondiale, un invito accattivante: “Riposatevi”

foto (25).JPG

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RUSSIA: Infine la cosa più interessante, che potete sperimentare anche voi grazie al codice Qr che allego sotto: si tratta della mostra virtuale proposta nel padiglione russo ai Giardini.

foto (22).JPG

Per raccontare la realizzazione della città della scienza di Skolkovo, in cui sono coinvolti architetti come De Meuron, Koolhaas, Sejima, Chipperfield e Boeri, non servono né pannelli, né foto, né video, né installazioni: le stanze del padiglione sono infatti completamente vuote, con le pareti però interamente tappezzate da quadroni di mezzo metro di lato con dei codici Qr: all’entrata ti danno un tablet (Samsung, per la cronaca), tu lo avvicini ai panelli, e questo scannerizza e ti fa leggere i diversi contenuti inerenti al progetto, immagini e video compresi. Una mostra totalmente virtuale, insomma.

Ai giornalisti viene data una spilla che riproduce un altro codice Qr: basta utilizzare uno smartphone sul quale avrete scaricato (gratuitamente) un’applicazione con un qualsiasi lettore di Qr, avvicinarlo all’immagine e avrete anche voi tutti i dati e le foto della mostra. Ecco l’immagine:

foto (28).JPG

BIENNALE ARCHITETTURA: UNA COLTIVAZIONE “SPAZIALE” E UNA MOSTRA TOTALMENTE VIRTUALEultima modifica: 2012-08-28T02:49:46+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cultura, tecnologia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *