BIENNALE ARCHITETTURA: PROTESTE PER LE PUSSY RIOT. IL LEONE D’ORO ALLA RICOSTRUZIONE DEL GIAPPONE

Primo giorno di apertura della Biennale Achitettura, con le proteste dei centri sociali per le Pussy Riot, davanti all’ipertecnologico Padiglione russo, e la premiazione dei vincitori, in particolare i giapponesi, impegnati nella ricostruzione delle aree devastate dal terremoto e dallo tsunami. Ecco le foto, poi le motivazioni e gli altri premiati.

pussy2.jpg

Questo invece è il padiglione giapponese, ai Giardini, che testimonia lo sforzo di coinvilgimento popolare nella ricostruzione.

Giappone.jpg

 

LE DECISIONI DELLA GIURIA

La Giuria internazionale della 13. Mostra Internazionale di Architettura composta da Wiel Arets (Presidente, Olanda), Kristin Feireiss (Germania), Robert A.M. Stern (USA), Benedetta Tagliabue (Italia), Alan Yentob (Gran Bretagna) ha deciso di attribuire nel modo seguente i premi ufficiali:

Leone d’Oro per la migliore Partecipazione nazionale al Giappone

Architecture possible here? Home-for-All

(Padiglione ai Giardini)

La motivazione del premio ricorda come “uno dei maggiori architetti internazionali, Toyo Ito, ha collaborato con architetti più giovani e con la comunità locale per affrontare in modo pratico e inventivo la progettazione di un nuovo centro per una regione devastata da una catastrofe nazionale.

La presentazione e il racconto nel padiglione sono straordinari e ampiamente accessibili a un vasto pubblico. La giuria è stata colpita dall’umanità di questo progetto”.

Leone d’oro per il miglior progetto della Mostra Internazionale Common Ground

Torre David / Gran Horizonte, 2012

(Corderie dell’Arsenale)

TorreDavid.jpg torre2.jpg

 

L’installazione presenta l’espereinza di un edificio direzionale abbandonato e occupato dai senza tetto a Caracas, rappresentato tra l’altro all’Arsenale, nella sua caotica esuberanza, da un vero e proprio ristorante con specialità venezuelane.

 Leone d’argento per un promettente studio di architettura della Mostra Internazionale Common Ground a Grafton Architects (Yvonne Farrell e Shelley McNamara)

(Irlanda, al Padiglione Centrale ai Giardini)

Common Ground, 2012

 

La Giuria ha inoltre deciso di assegnare quattro menzioni speciali a:

Polonia, Usa e Russia (Padiglione ai Giardini) e a  Cino Zucchi (Corderie, Arsenale)

BIENNALE ARCHITETTURA: PROTESTE PER LE PUSSY RIOT. IL LEONE D’ORO ALLA RICOSTRUZIONE DEL GIAPPONEultima modifica: 2012-08-29T19:32:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cultura e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *