COME NASCONO LE NUOVE IMPRESE: CREATIVITÀ, INNOVAZIONE, FINANZIAMENTI

innovazione,lavoro,giovani,start-up,vega,h-farm. riccardo donadon,creatività,imprese,finanziamentiL’impressione è che – a parte rare eccezioni – chi oggi si aspetta delle soddisfazioni dal lavoro le possa trovare solo mettendosi in proprio. Vale soprattutto per i giovani che cercano faticosamente una strada, e che non accettano (o non si accontentano) di essere spremuti come limoni per quattro soldi, senza soddisfazioni e soprattutto senza prospettive.

 Vi raccontavo nei giorni scorsi delle visite che ho fatto al Vega di Marghera e ad H-Farm di Roncade, creata da quel Riccardo Donadon che è stato incluso dal ministro Passera nella sua task force per i nuovi lavori. C’è una cosa che in questi luoghi salta all’occhio immediatamente, rispetto agli altri posti di lavoro, che sono in genere delle valli di lacrime, affollate da depressi, frustrati, impauriti di mezza età: un’età media molto bassa, molto fermento, vivacità, curiosità per il nuovo, informalità e anche un pizzico di trasgressione.

Si tratta di luoghi che premiano la creatività, poi a selezionare chi ce la farà ci penserà il mercato (e resistere non è scontato, visto che – cifre della Cna di Mestre – solo il 50% delle nuove imprese sono ancora in vita a 5 anni dalla fondazione).

UN’IDEA, UNA SCRIVANIA, UN COLLEGAMENTO INTERNET

In genere queste nuove imprese si occupano di innovazione, applicata ai più diversi comparti: dalla green economy al commercio, dalla comunicazione ai servizi. Spesso lavorano per aziende consolidate, curandone i siti e il brand o rinnovando le modalità di relazione con i clienti. A proposito: tutto questo sarà anche l’oggetto dello Smau, in programma mercoledì e giovedì alla Fiera di Padova.

?gclid=CN-KvPTSuq8CFcVF3wodnA0_lw

Ovviamente a colpire sono le dimensioni di queste imprese: basti considerare che quando il Vega non c’era ancora, e al suo posto c’era Agrimont, i lavoratori impiegati erano 2000: ora sono altrettanti, ma suddivisi in 150 imprese. Le start-up, in particolare, cioè quelle che hanno cominciato ad operare da poco, sono proprio microscopiche. Ad H-farm c’è un vero e proprio vivaio, con una decina di box neri h-farm.jpegprefabbricati sparsi nel parco, dove lavorano queste mini-imprese di tre-quattro ragazzi, che sviluppano idee, le trasformano in progetti, cercano soci, finanziatori o acquirenti.

Vega4.jpegAl Vega ci sono anche alcune imprese individuali, che diventeranno 25 a partire da maggio. In genere affittano – a 250 euro mensili – una scrivania, una seggiola e un armadio, ma possono usufruire di tutti i servizi del Parco tecnologico, e a partire da un collegamento internet da 300 mega. E se son rose…

PER I GIOVANI E LE DONNE FINANZIAMENTI FINO A 129MILA EURO

Per chi volesse cimentarsi nell’impresa ci sono vari aiuti: ad esempio a Venezia Camp sono stati presentati alcuni finanziamenti concepiti proprio per i giovani aspiranti imprenditori. Seeweb, ad esempio, mette a disposizione fino a 30mila euro, e diventa socio a tutti gli effetti delle nuove imprese. Invitalia, che è l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa del Ministero del Tesoro, di euro arriva a metterne a disposizione per giovani o donne che debuttano con un’impresa per l’innovazione tecnologica, fino a 129 mila euro, e fino al 100% del capitale necessario, oltre a fornire assistenza nei primi passi imprenditoriali.

Ovviamente alla base ci devono essere gli ingredienti canonici di ogni impresa di successo: idee, dedizione, ostinazione. E naturalmente un po’ di ottimismo, che è assente in gran parte del paese, ma che in questo comparto è ancora di casa.

 

COME NASCONO LE NUOVE IMPRESE: CREATIVITÀ, INNOVAZIONE, FINANZIAMENTIultima modifica: 2012-04-17T03:29:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in economia, tecnologia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *