“NELLA MORSA DELLA W”, IL FANTA-ROMANZO DELLA CRISI: CAPITOLO 5, TRA POLITICA E PSICOLOGIA

W.jpegLo so che sugli sviluppi del mio presunto romanzo di fanta-economia, incentrato sugli effetti di una lunga recessione sulle vite quotidiane delle persone, sto un po’ tergiversando. A questo punto, ad esempio dovrei delineare meglio i caratteri dei protagonisti, intrecciare le loro vicende, allargare la cerchia dei personaggi, ma come ho avvertito, non ho la fantasia necessaria, né il talento letterario, anche se per professione mi trovo spesso ad analizzare il lavoro degli autori “veri”, e so riconoscere un romanzo e un personaggio che funzionano (en passant: i bei personaggi sono quelli che vivono di luce propria, quasi indifferenti ai progetti del loro autore).

FEDERICA MANZON E LA CADUTA DELLO SPECULATORE

Aggiungo che non ho neppure la pazienza per dedicare a un personaggio inventato le energie che servono per farlo “vivere”, prima sulla carta, poi nella mente e nel cuore del lettore: ad esempio su temi analoghi a questo, o meglio sulla loro genesi, sto leggendo il bel romanzo della giovanissima scrittrice pordenonese Federica Manzon “Di fama e di sventura” (Ed. Mondadori) finalista al Premio Campiello, che racconta (in chiave soprattutto psicologica e con grande partecipazione emotiva) l’ascesa e la caduta di uno degli speculatori che hanno contribuito a mettere in ginocchio la finanza occidentale, e quindi a dare un duro colpo alle nostre economie.

Ma a questo punto c’è anche un altro nodo che dovrei risolvere per poter portare avanti credibilmente il lavoro: cercare di capire cosa è più verosimile che accada, di qui a qualche anno, nell’economia globalizzata (compito per il quale si rivelano quotidianamente poco attrezzati persino gli economisti più illustri e i centri studi più blasonati),  e di conseguenza individuarne le ricadute prima sulle economie locali, e poi sulla vita del mio protagonista, Mario Rossi, e della sua ancora ristretta famigliola, la moglie Elena e la figlie Stefania e Barbara.

L’IMPOTENZA DELLA POLITICA E IL RUOLO DELLA PSICOLOGIA DI MASSA

Intuirete da soli l’estrema variabilità degli elementi in campo, che tracimano dalle praterie dell’economia per complicarsi con questioni politiche, sociologiche, psicologiche, che sono fondamentali nell’evoluzione di questi fenomeni. Perché se la politica, anche a livello globale (da Obama, a Sarkozy, alla Merkell SarkozyObamaMerkel.jpeg), in questa fase sta dimostrando tutta la sua impotenza nella capacità di individuare e imporre una via d’uscita dalla crisi, sempre più sembrano imporsi sulla scena finanziaria reazioni collettive dettate dall’emotività e dall’incompetenza degli individui, o dai “rumors” messi in giro artatamente dagli speculatori, i quali a loro volta però spesso cadono (in piedi, a differenza dei risparmiatori/investitori, che peraltro sono al tempo stesso vittime e complici) nelle loro stesse trappole.

Per togliermi da queste difficoltà, che sarebbero insormontabili, ho deciso di utilizzare uno stratagemma e di prendere una scorciatoia… In fondo questo è un divertissement su scenari possibili, mica un vero romanzo, e tantomeno un saggio. Alla prossima, dunque.

5. continua

“NELLA MORSA DELLA W”, IL FANTA-ROMANZO DELLA CRISI: CAPITOLO 5, TRA POLITICA E PSICOLOGIAultima modifica: 2011-08-25T10:43:34+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in economia, società e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *