MONTANELLI, IL CAVALIERE, E QUELLA “POCO DI BUONO” DI CUI ERA INNAMORATO: DIECI ANNI DOPO

Montanelli.jpgDieci anni fa moriva Indro Montanelli, il grande giornalista (di destra) che non volle ridursi a essere il megafono di Berlusconi, come scrisse nell’ultimo articolo sul Giornale, il 12 febbraio del 1994, che ripropongo sotto. Nei giorni scorsi sullo stesso quotidiano, ora diretto da Alessandro Sallusti (o tempora!) Vittorio Feltri che sostituì Montanelli alla direzione, duellando con un lettore di destra ma anti-berlusconiano ha difeso le ragioni di Berlusconi nel voler assoggettare il giornale alla sua linea politica e criticato Montanelli, per «il risentimento, subito degradato ad avversione, per l’uomo (proprio il Cavaliere, ndr) che si era comportato con lui – sempre – da vero signore».

IL RICORDO DELL’AMICO MARIO CERVI

«A un certo punto la rottura fra i due fu logica e inevitabile – ricostruisce ora Mario Cervi, vice di Montanelli, che ne fu testimone diretto – Berlusconi aveva messo Montanelli di fronte a un dilemma che lui, col suo carisma e la sua statura culturale e morale, non poteva accettare: se avesse appoggiato l’avventura politica del Cavaliere avrebbe fatto la figura del servo; se non l’avesse fatto sarebbe apparso un ingrato. Ecco perché Indro scelse dolorosamente di andarsene». Ed ecco il perché del suo rancore verso il Cavaliere, anche se c’era dell’altro nell’ostilità del grande giornalista verso l’avventura politica del nostro, e cioè il timore per quello che stava diventando la destra italiana (la “destra del manganello”, la chiamava), come spiegò anche a me quando andai a intervistarlo in occasione del suo novantesimo compleanno. Egli pensava, come avrebbe scritto sul Corriere, che “Nulla è più incompatibile con l’Italia di Destra – tutta cifre, fatti, sobrietà e rigore – di quella fasullamente apollinea, supervitaminizzata, candeggiata, cotonata e tutta “en rose” che il cavaliere Berlusconi ci ammannisce, in vista dei soliti “immancabili destini”, nelle sue flautate omelie in technicolior. E nulla è più lontano dal linguaggio dallo stile della Destra di quelli da taverna di Bossi con i suoi ‘celodurismi’ “.

LA DESTRA CON IL MANGANELLO E BERLUSCONI

MontanelliBerlu.jpegA Curzio Maltese spiegò, in un’altra intervista, per Micromega, che «Gli italiani non sanno andare a destra senza manganello. Non amano la destra seria e non l’hanno mai amata, prima e dopo il fascismo. Pensa alla grande destra risorgimentale, ai Sella, agli Spaventa….. E pensa alla parabola di De Gasperi. No, la destra liberale in Italia è stata sempre impopolare, una minoranza odiata e derisa. Gli andava bene Mussolini e gli va bene Berlusconi. Che cos’hanno Berlusconi e i suoi alleati in comune con la destra liberale, legalitaria? Nulla… La destra è incompatibile con il «parabolismo», la ciarlataneria e Berlusconi è un parabolano, un grande ciarlatano… La capacità di menzogna di Berlusconi è quasi commovente. Perché il primo a credere alle sue menzogne è lui…». Nel libro appena uscito da Rizzoli “Ve l’avevo detto. Berlusconi visto da chi lo conosceva bene” (pagg. 176 con prefazione di Massimo Fini), che raccoglie i corsivi e gli editoriali, dell’ultimo Montanelli, c’è una pagina esemplare a questo proposito: “Silvio soffrì moltissimo per la morte del padre. Lo vidi piangere come una vite tagliata e quella volta erano lacrime vere. Qualche giorno, parlando di lui, mi disse: ‘D’ora in poi mio padre sei tu’. Mi chiedo a quanti altri lo aveva già detto o stava per dirlo. Ma sono arciconvinto che a tutti lo diceva con assoluta sincerità”.

Sul suo ex editore però Indro ammetteva di non averci mai pigliato: come nel 1996, quando profetizzò che il Cavaliere si sarebbe stancato presto della politica, oppure quando azzardò che sarebbe bastato agli italiani vederlo all’opera a capo di un governo per capire di che pasta era fatto e sbarazzarsene rapidamente: invece sono passati 17 anni…

 «Ci libereremo di Berlusconi come del vaiolo, con il vaccino. E l’unico vaccino è che provi a governare… Parliamoci chiaro, la maggioranza degli italiani quest’uomo lo vuole e non da oggi, dal giorno della discesa in campo (…) Berlusconi andrà al potere e gli italiani capiranno finalmente. Ma costerà loro seguirlo nell’avventura».

 “SONO INNAMORATO DI UNA POCO DI BUONO, L’ITALIA”

Sul degrado a cui stava andando incontro l’Italia invece Indro Montanelli aveva visto giusto. «Amava questo paese, ma non ci riponeva alcuna fiducia – ricorda ancora Mario Cervi – Si considerava come l’innamorato di una poco di buono, che non riesce a mollare anche se ne conosce la pessima fama. Per questo ciò che sta avvenendo ora non lo avrebbe sorpreso: l’avrebbe visto come la conferma di quello che pensava dell’Italia. Ricordo che la post-fazione dell’ultimo libro che abbiamo scritto insieme era piuttosto desolata: “Io non mi riconosco in questo Paese – diceva infatti – e questo Paese non mi riconosce”».

 

Ecco invece il suo ultimo articolo sul Giornale, da lui fondato.

articolo.htm

 

MONTANELLI, IL CAVALIERE, E QUELLA “POCO DI BUONO” DI CUI ERA INNAMORATO: DIECI ANNI DOPOultima modifica: 2011-07-23T01:46:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Informazione, politica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *