LA CASTA PADANA. ECCO PERCHÉ LA GENTE ALLA LEGA PERDONA TUTTO

 Interessante il confronto di stasera all’Infedele sulla questione morale nella Lega (e anche sui ricercatori naturalmente).

La tendenza, di fronte alla scorpacciata di poltrone che si stanno concedendo i leghisti (e ai loro abusi da vera e propria casta), è di dire “perché vi stupite, così fan tutti”: peccato che il Carroccio abbia vinto le elezioni proprio sostenendo di essere “diverso”.

La questione vera è dunque perché i loro elettori non sembrano essere molto contrariati per l’emergere delle gesta poco edificanti della “Casta padana”, dove “casta” non sta per “illibata”: “Alla Lega la gente perdona tutto”, ha commentato qualche mese fa l’assessore regionale Isi Coppola sconsolata di fronte all’ennesimo sondaggio trionfale per il Carroccio.

Il mio parere è che perdonando la Lega gli elettori perdonano se stessi. Io sono convinto infatti che gran parte di loro pensano che se fossero in Bossi sistemerebbero il proprio figlio in Regione, esattamente come ha fatto lui.

Siccome poi non sentono i vertici della Lega come qualcosa di esterno da sé, trovano probabilmente gratificante che essi strappino i posti di potere ai potenti di prima, e che con la loro furba ignoranza ce l’abbiano vinta sui vecchi professionisti del sottobosco politico o sugli odiati “professoroni” (che in quanto a nepotismo, peraltro, non sono secondi a nessuno).

Luca Ricolfi, qualche settimana fa, ha sostenuto sulla Stampa che per mantenere il potere acquisito (e relative poltrone) la Lega sarebbe ormai disposta a glissare persino sul federalismo. Molto interessante anche quanto sostiene, in questo articolo pubblicato da Variety il 22 settembre e segnalatomi dall’amica Maria Grazia, l’ex leghista Alessandro Cè.

Variety.jpg

 

 

 

 

 

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

 

Non so se si potrà mai appurare la veridicità di quanto sostiene il libro citato sulla proprietà del simbolo della Lega, ma penso che in realtà Bossi abbia tutto l’interesse a rosolare a fuoco lento Berlusconi, assicurandogli il suo sostegno fedele (di fronte al Parlamento, di fronte ai giudici e di fronte a Fini) ma intanto strappandogli un po’ alla volta il grosso degli elettori. Ma mi pare che i pidiellini se ne stiano accorgendo, e che qualcuno di loro cominci a pensare che per salvare se stesso Berlusconi rischia di trascinarli tutti nel baratro.

 

LA CASTA PADANA. ECCO PERCHÉ LA GENTE ALLA LEGA PERDONA TUTTOultima modifica: 2010-10-12T03:08:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *