PREMIO CAMPIELLO, ECCO I LIBRI FINALISTI

foto-38.JPGCon la storia di un vecchio Charlie Chaplin che stringe un patto con la morte per avere il tempo di raccontare la sua vita al figlio piccolo, in “L’ultimo ballo di Charlot” (Sellerio), il siciliano Fabio Stassi partirà in pole position alla prossima finale del Premio Campiello, in programma a Venezia il 7 settembre. Il suo libro si è infatti classificato al primo posto (con 8 segnalazioni) nella votazione degli undici giurati, presieduti dallo psicologo-sociologo televisivo Paolo Crepet, nella selezione della cinquina, ieri mattina all’Università di Padova.

Dietro di lui (tutti con 7 voti) si sono classificati il poeta Valerio Magrelli, con “Geologia di un padre” (Einaudi), in cui è però lui stesso, il figlio, a ricostruire l’enigmatica vicenda umana del genitore, tra ricordi personali e incursioni nella storia patria; quindi “L’amore graffia il mondo” (Mondadori) indimenticabile figura di donna cesellata dal premio Strega 2004 Ugo Riccarelli; la traduttrice di Harry Potter, nonché editor apprezzata, Beatrice Masini, con “Tentativi di botanica degli affetti” (Bompiani), esplorazione di un segreto che mette in gioco i sentimenti della protagonista; e infine il giovane Giovanni Cocco, col suo apocalittico e poderoso “La Caduta” (Nutrimenti), che ricolloca in un quadro di catastrofe eventi che già stiamo vivendo. Ha sfiorato la nomination Andrea Canobbio con “Tre anni luce” (Feltrinelli), mentre degli autori nordestini ha avuto due voti Mauro Covacich, e solo segnalazioni positive per Corona, Imperatori, Maurensig, Permunian, Righetto, Santarossa, Signorini, Veladiano e Villalta.

Fa centro al primo colpo invece Matteo Cellini, Premio Opera prima con “Cate,io” (Fazi), storia di una ragazza obesa che si difende dal mondo con l’intelligenza e il sarcasmo.

Stassi.jpg     Magrelli.jpg     Riccarelli.jpg

Masini.jpg     Cocco.jpg    Cellini.jpg

GLI IMPRENDITORI: INVESTIRE IN CULTURA PER AVVIARE LA RIPRESA

foto-39.JPGL’annata letteraria è stata buona ma non eccezionale, anche se si è segnalata una ripresa del romanzo anche nella funzione di fornire al lettore strumenti di interpretazione della realtà, come ha detto Paola Italia, componente della giuria, che ha esaminato i 65 titoli selezionati dal Comitato tecnico fra oltre 200 pervenuti.

 

Ma la giornata del Campiello si è caratterizzata anche per una presa di posizione forte, da parte degli industriali, in favore di un rilancio degli investimenti culturali, visti come strategici per la ripresa economica, in aperta contestazione della famosa frase dell’ex ministro Tremonti “con la cultura non si mangia”. E se il presidente di Confindustria Veneto Roberto Zuccato ha ricordato il peso della cultura sul Pil e sull’occupazione (15% con tutta la filiera, 4,5 milioni di addetti) e stigmatizzato il fatto che siamo ultimi in Europa per gli investimenti nel settore, il suo collega di Padova Massimo Pavin si è fatto interprete di tre richieste precise che dovrebbero favorire la ripresa a partire dal sostegno alla cultura: defiscalizzazione degli interventi dei privati, gestione imprenditoriale dei luoghi di cultura e creazione di contesti fertili per potenziare la collaborazione pubblico-privati, a partire dai distretti per la ricerca.

PREMIO CAMPIELLO, ECCO I LIBRI FINALISTIultima modifica: 2013-05-31T18:18:29+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cultura, Nordest e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *