IL REGALO DI BERLUSCONI PER I 60 ANNI DI BENIGNI. CHE RINGRAZIA CANTANDO

BenigniBerlus.jpgMiglior regalo non poteva fare, Berlusconi, per i 60 anni di Roberto Benigni. Dopo l’annuncio del suo rientro in campo, infatti, tutto il mondo dei comici ringrazia.

Ecco come ha cantato la sua epopea il Roberto nazionale. Ma ora, dopo l’epopea, siamo alla farsa…

 

COSI’ “MANDA A PUTTANE” IL PARTITO E PURE IL PAESE

Qualche considerazione, ora, a margine della patetica recita che qualche servo sciocco ha ribattezzato la seconda discesa in campo dopo quella del ’94.

Ancora una volta prevale in Berlusconi l’istinto del “muoia Sansone”: altro che statista, per cercare di salvare se stesso non solo sgambetta Alfano con la sua strategia di riaggancio dei moderati, ma manda all’aria l’intero partito. Anzi, l’intero paese. Le cancellerie e il nostro governo lasceranno correre sull’attacco alla Germania? E come reagiranno i mercati, domani, alle sue dichiarazioni sulla possibile sfiducia al governo?

Ma cosa c’entra Monti con la condanna di Berlusconi? si chiederà qualcuno. Beh, in fondo anche Prodi2, nel 2008, è caduto a causa delle disavventure giudiziarie della moglie di Mastella…

TERREMOTATE LE ALTERNATIVE, SI TORNA ALL’ASSE LEGA-PDL

Una considerazione infine anche sulle conseguenze politiche di tutto questo, e in particolare sulle possibili alleanze future: credo che adesso il riaggancio, già difficile, con i moderati, non sarà più possibile se non a fronte di una decisa presa di distanza del Pdl dal suo leader (ma guidata da chi, da Alfano?); ma questo comporterebbe la definitiva esplosione del partito.

Addio ai moderati e nuova alleanza in vista con la Lega, dunque? É probabile, le premesse ci sono: presa di distanza dal governo Monti e cessione a Maroni della candidatura per la presidenza della Lombardia vanno in questa direzione. Insomma, dopo un anno si riproporrebbe lo stesso quadro, logorato, del passato: ma i leghisti avranno lo stomaco di votare ancora Berlusconi? E i pidiellini che ne dicono del progressivo ammainabandiera del partito, anche nella sua roccaforte lombarda?

MA CHI OCCUPERA’ IL GRANDE VUOTO A DESTRA?

Impressionante, comunque, questo cupio dissolvi della destra italiana, che resta in ostaggio del Cavaliere, e non riesce a trovare un suo assetto né una sua prospettiva, nè con lui nè senza di lui. Alla fine questo è un problema anche per il centro, a cui viene a mancare una possibile sponda alternativa alla sinistra, e si trova col cerino in mano nelle alleanze, e persino per la sinistra e per l’intero paese: chi occuperà il grande vuoto che si apre a destra? Oppure: cosa accadrà se sulle parole d’ordine di Berlusconi si dovessero riaggregare i voti finora in libera uscita verso Grillo?

IL REGALO DI BERLUSCONI PER I 60 ANNI DI BENIGNI. CHE RINGRAZIA CANTANDOultima modifica: 2012-10-28T14:58:33+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica, Satira e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *