I “MISTERI” DI SIENA, A TRE GIORNI DAL PALIO

Siena.jpgA tre giorni dal Palio dell’Assunta Siena è percorsa da una frenesia incredibile: le contrade occupano le strade giorno e notte, masse incredibili di uomini e donne, considerato che la città non arriva ai 60mila abitanti, percorrono le vie del centro con i loro cavalli in testa, i loro fazzoletti al collo, cantando canzoni irridenti e insultanti contro gli avversari. Nessuno  – uomini, donne, anziani, bambini – sembra sottrarsi ad un rito che affascina i turisti ma sembra aver poco da spartire con loro.

Voglio dire che attraverso il palio sembrano esprimersi le diverse appartenenze della città, in un manifestazione identitaria che faccio fatica a comprendere, tanto appare esasperata e totalizzante. Guardando questi professionisti contradaioli, questi commercianti che chiudono negozio, queste signore di mezza età che si urlano dietro di tutto, mi viene da chiedere come si rapporteranno l’un l’altro con gli avversari una volte terminata la manifestazione.

E i cavalli (per il momento) stanno a guardare… Chissà cosa ne pensano di questi strani umani che prima li coccolano e li vezzeggiano e poi li maltrattano.

I “MISTERI” DI SIENA, A TRE GIORNI DAL PALIOultima modifica: 2012-08-13T19:23:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Viaggi e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *