NONOSTANTE LE PROTESTE, IL SENATUR: “MI RICANDIDO, ME LO CHIEDE IL POPOLO”. BOSSI CE L’HA DURO (L’ORECCHIO)

MaroniBossi2.jpgUn paio di settimane fa un Bossi abbacchiato aveva garantito che Maroni era il bene della Lega, e che lui al congresso avrebbe votato per il bene della Lega. In dodici giorni il Senatur si è rinfrancato, e complice evidentemente il Cerchio Magico, ancora in servizio permanente effettivo, si è rimangiato tutto e ieri al “Lega unita day” a Zunica ha annunciato ai giornalisti (prima che venissero cacciati malamente dai militanti) che “se serve all’unità” della Lega lui è pronto a tornare Segretario.

Il passo successivo sarà sostenere che Rosi Mauro è vergine, il Trota un genio incompreso, che la Padania esiste (ah già, questo lo dice sempre) e che loro i soldi pubblici non li rubano, semmai li sprecano (dite che anche questo l’ha detto sul serio?).

Maroni, che nei mesi scorsi aveva detto “Se si candida Bossi io non mi presento e lo voto”, ieri è stato zitto. Il Senatur ha anche aggiunto che la Lega non è finita.

Per il momento no, ma se insiste a candidarsi ho l’impressione che i fatti lo smentiranno presto, perchè si ritroverà con pochi irriducibili intorno; ma evidentemente meglio una Lega ridotta al lumicino che rinunciare al piccolo potere rimastogli.

NONOSTANTE LE PROTESTE, IL SENATUR: “MI RICANDIDO, ME LO CHIEDE IL POPOLO”. BOSSI CE L’HA DURO (L’ORECCHIO)ultima modifica: 2012-05-02T10:58:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Caro Zaia, politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *