COSE DA RIDERE: DALLE LENTICCHIE DI MONTI AI “POVERI” DI CORTINA, DAI POLITICI ALLE MALDIVE ALLE TESSERE GONFIATE DEL PDL

Lo so che di questi tempi non si dovrebbe sorridere troppo, che c’è da preoccuparsi e da indignarsi piuttosto, ma alcune notizie di questi giorni mi hanno messo mio malgrado proprio di buonumore. Mi chiedevo perché, visto che si tratta di vicende che rivelano la persistenza ostinata della solita Italia dei furbetti, ma poi mi sono risposto che si tratta di eventi che smascherano finalmente le ipocrisie e mettono alla gogna coloro che si credono più furbi degli altri; e dunque certificano che rispetto al recente passato almeno l’impunità è diminuita e l’arroganza paga un po’ meno.

IL CENONE DI MONTI RIMANE SULLO STOMACO A CALDEROLI

cotechino.jpgCalderoli2.jpegLa prima vicenda è l’infortunio dell’interrogazione di Calderoli sulla cena di Capodanno del Premier. Monti come sapete ha dato una risposta che è un capolavoro di arguzia (la linkoper documentazione, anche se in poche ore ha fatto il giro della Rete dettaglio.asp?d=66033), l’unico dubbio è se Calderoli sarà in grado di capire la figura barbina che gli ha fatto fare il Premier: il leghista ha risposto che “la toppa è peggio del buco” e annunciato che farà ulteriori indagini: forse vuole verificare se Monti ha dato una mano in cucina e i suoi ospiti hanno utilizzato lo sciacquone del bagno… Diventa fin troppo facile ricordare a Calderoli le cene col Bunga Bunga del premier precedente, ripagate con l’elezione delle protagoniste nelle cariche pubbliche o nell’inserimento alla Rai, i voli di Stato con le escort, e anche la sua personale “misteriosa” escursione, il 19 gennaio del 2011, con un Airbus dell’Aeronautica militare in quel di Cuneo, dove fatalità vive la sua compagna… (non a caso Monti ricorda che lui va in treno)


BOOM DEGLI INCASSI A CORTINA DOPO L’INCURSIONE DELLA FINANZA

La seconda vicenda è l”’incursione” a Cortina della Guardia di Finanza, che prima ha scovato un bel po’ di indigenti con i Suv, e poi ha provocato – con la sua sola presenza nei dintorni – un’impennata del 400% negli incassi di negozi e pubblici esercizi. Fossi nel sindaco offrirei alle Fiamme Gialle un alloggio e chiederei loro di fermarsi nella Conca ampezzana tutto l’anno. Chissà perché il centro-destra (Cicchitto e Gasparri in particolare) sulla vicenda ha fatto le bizze…

In ogni caso due a zero per il Governo, sono quelle cose da niente che però rasserenano un po’ coloro che sono stufi di essere sempre i soli a pagare e che finora hanno visto i potenti scialacquare…

DALLE MALDIVE A SCILIPOTI: QUELLI CHE NON HANNO CAPITO CHE LE COSE SONO CAMBIATE

Un cambio di prospettiva che però i politici non sembrano ancora aver compreso: come Schifani, Casini e Rutelli  (più Stefania Craxi) beccati in vacanza alle Maldive, in suite i cui prezzi variano dai  2.550 ai 5.700 dollari a notte; come Scilipoti, che proprio mentre commenta a proposito di Equitalia che “le cartelle esattoriali stanno distruggendo tante famiglie”, viene accusato dal suo ex portaborse Vincenzo Pirillo di averlo fatto lavorare in nero a 600 euro al mese.

E NEL PDL VICENTINO ESPLODE LA GUERRA DELLE TESSERE

Poi c’è il caso esilarante delle tessere gonfiate del Pdl vicentino, dove si sono ritrovati iscritti nel partito di Berlusconi anche esponenti dell’Udc e della Lega, oltre che almeno un deceduto. Ora nel Pdl volano gli stracci, sta indagando la Procura, e l’’ex governatore Galan ha accusato esplicitamente il parlamentare europeo recordman delle preferenze Sergio Berlato, ex An e già leader dei cacciatori. Questi ha replicato “mi augur che la verità venga a galla”, ma chissà perché questa frase mi ha ricordato un commento dell’allora allenatore del Padova Nereo Rocco, quando alla vigilia di una partita con la capolista gli venne augurato “vinca il migliore” e lui di rimando: “Speremo de no!”.          

COSE DA RIDERE: DALLE LENTICCHIE DI MONTI AI “POVERI” DI CORTINA, DAI POLITICI ALLE MALDIVE ALLE TESSERE GONFIATE DEL PDLultima modifica: 2012-01-05T11:23:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in costume, politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a COSE DA RIDERE: DALLE LENTICCHIE DI MONTI AI “POVERI” DI CORTINA, DAI POLITICI ALLE MALDIVE ALLE TESSERE GONFIATE DEL PDL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *