SCIOPERO SPIACEVOLE MA NECESSARIO, E CI SARANNO ANCHE I LAVORATORI CISL

Non ho mai mitizzato gli scioperi, non apprezzo la decisione della Cgil di impedire domani l’uscita del Corriere (anche se non ne conosco i retroscena), e in generale non condivido (anche se ne capisco le ragioni) la linea sindacale della Fiom: ma oggi idealmente sarò in piazza con i lavoratori aderenti a quel sindacato, e anche con quelli delle altre sigle sindacali (Cisl e Uil) che – si dice – oggi aderiranno alla protesta anti-governativa sconfessando le rispettive segreterie. Come ha già annunciato la Fim.

MEGLIO LA CRISI CHE QUESTO GOVERNO
Dire no a questo governo, e dirlo in tanti, è oggi un dovere civile, giustificato – se non bastassero i tre anni precedenti – dalle ultime settimane passate a fare e disfare manovre, vendicarsi sui “soliti noti”, cercare di confondere la Bce, devastare l’immagine del Paese e farsi bastonare dai mercati (oltre a dribblare – nel caso del premier – magnaccia, prostitute e giudici). Chi l’ha detto che una crisi di governo avrebbe provocato guai maggiori? E che nel giro di pochi giorni non si riuscirebbe a mettere in piedi un dignitoso esecutivo quantomeno de-berlusconizzato?
CISL E UIL, LA TRAPPOLA DEI “SINDACATI RIFORMISTI”
Per questo non si comprende – anche al di là del merito dei contenuti del famigerato articolo 8 – l’acquiescenza nei confronti dell’esecutivo di due sigle sindacali un tempo gloriose, come Cisl e Uil, quando anche dal mondo industriale arrivano clamorose prese di distanza (si veda Cernobbio, ma persino il Campiello); nè si giustifica il compiacimento con cui Bonanni e Angeletti si fanno iscrivere alla casella dei buoni (i “sindacati riformisti”) – accettando che si spingano gli altri fuori dalla porta – da parte di un ministro come Sacconi, inventore della sciagurata idea del riscatto degli anni di laurea e di naja; o di un Brunetta che si è scelto come nemici i dipendenti pubblici e i precari.

SCIOPERO SPIACEVOLE MA NECESSARIO, E CI SARANNO ANCHE I LAVORATORI CISLultima modifica: 2011-09-05T17:00:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in economia, politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *