HILLARY CLINTON A ROMA PER LO SHOPPING QUASI DIMENTICA BERLUSCONI

berlusconi-obama.jpgAdesso abbiamo capito cosa è venuta a fare l’altro giorno a Roma Hillary Clinton: shopping compulsivo nei negozi del centro (tanto che è arrivata persino con mezz’ora di ritardo all’appuntamento con Berlusconi) e cena serale (senza rappresentanti del nostro governo) in un ristorante di Campo de’ Fiori Clinton.jpg. In compenso, racconta il Corriere, il segretario di Stato americano ha avuto l’onore di conferire con Mr. Trout (Renzo Bossi) passato a sorpresa per un saluto.

UN LUNGO ELENCO DI SMACCHI INTERNAZIONALI

Insomma, un altro trionfo per l’uomo che ha risollevato ai più alti livelli vertici il prestigio internazionale dell’Italia. Arriva dopo gli entusiastici commenti della diplomazia americana su di lui rivelati da Wikileaks, dopo il nostro coinvolgimento al massimo grado nella gestione della crisi libica, dopo il figurone fatto nel vertice con Sarkozy (che dopo aver gridato un po’ – sì, proprio urlato – ha ottenuto dal Nostro una entusiastica… calata di braghe) e dopo l’annuncio che alle celebrazioni della Festa della Repubblica il 2 giugno non interverrà il presidente Obama, ma il molto più importante Joe Biden, vice presidente e noto gaffeur; e fa il paio con la notizia (non smentita da nessuno) che nel corso della sua recente visita a Roma il premier georgiano Nikoloz Gilauri ha chiesto espressamente di non incontrare Berlusconi (che pure si vanta, in questo caso sì smentito dal diretto interessato, di aver salvato la vita del presidente georgiano Saakashvili durante la guerra con la Russia). E dopo che ancora Obama non ha ritenuto di chiamare Berlusconi – a differenza che gli altri leader europei – per informarlo tempestivamente dell’uccisione di Bin Laden.

Che dire: speriamo almeno che Mrs Clinton abbia strappato qualche bello sconto nel suo shopping romano…

 

HILLARY CLINTON A ROMA PER LO SHOPPING QUASI DIMENTICA BERLUSCONIultima modifica: 2011-05-07T13:58:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Esteri, politica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *