IMMIGRATI, DIFESA DELLA NOSTRA IDENTITA’ E INTEGRAZIONE

ColoniaTorno a scrivere sul blog dopo mesi che mi era impedito da ragioni tecnologiche (e questo meriterebbe una riflessione a parte), e per coincidenza mi ritrovo a riflettere – dopo l’ultimo post dedicato alla Germania, l’estate scorsa – sui fatti di Colonia e sul dibattito forsennato suscitato dall’arrivo in quel paese di un milione di profughi. Fra tanti, troppi interventi caratterizzati da pressapochismo e demagogia, ho apprezzato quello che segue, di Ernesto Galli Della Loggia, che mette l’accento sulle caratteristiche che deve avere un processo di integrazione per essere in grado di assicurare insieme l’accoglienza degli immigrati e la tutela dei valori e delle consuetudini a cui non intendiamo rinunciare.

http://www.corriere.it/editoriali/16_gennaio_10/immigrrati-migranti-integrare-senza-sensi-colpa-editoriale-63e372c0-b764-11e5-8210-122afbd965bb.shtml

Ovviamente alla teoria devono fare seguito procedure e comportamenti adeguati, i quali diventano via via più complicati man mano che cresce il numero degli immigrati.

NON ESISTONO SOLUZIONI FACILI AL PROBLEMA

La questione richiede sì fermezza, ma anche umanità, pragmatismo, competenza, lucidità, per mettere a punto una serie di interventi di cui la repressione (di attività criminali o semplicemente inappropriate) è solo l’ultimo gradino di un percorso estremamente articolato, che passa dalla prevenzione e dalla formazione (ai nostri valori irrinunciabili), ma deve avere la sua origine in nuove politiche nei confronti dei paesi di origine dei flussi migratori.

Le “soluzioni facili”, sulle questioni migratorie, non esistono, checché ne dicano gli opinionisti da bar che alimentano la vulgata populista incarnata in Italia soprattutto dalla Lega, che lancia allarmi fin da quando gli immigrati erano poche migliaia e venivano soprattutto dal nostro Meridione e mostra interesse solo a sfruttare elettoralmente il problema, non certo a risolverlo: e anche quando le questioni sollevate da Salvini & c. hanno un fondo di realtà, le contromisure ipotizzate si rivelano impercorribili qualora venissero portate alle loro logiche conseguenze. E alla stessa categoria concettuale appartiene la proposta di referendum popolare su quanti stranieri possiamo permetterci, proposto nei giorni scorsi sul Gazzettino dal giudice Carlo Nordio.

LE ALTERNATIVE: SPARARE LORO ADDOSSO O LASCIARLI ANNEGARE

profughiQuand’anche si decidesse (per legge o per referendum) che in Italia non deve entrare più nessuno che non sia profugo e magari cristiano, come facciamo a fermare gli altri? A nessuno (ribadisco, nessuno) piacciono gli arrivi di massa col la loro scia di morti, organizzati e sfruttati dalla criminalità, incuranti delle nostre leggi, delle nostre consuetudini e dei nostri conti pubblici, che rischiano di intaccare pesantemente la nostra identità e disfare l’Europa; il problema è cercare modi praticabili (e umani) per bloccarli: a meno che non pensiamo che sia legittimo sparare loro addosso o lasciarli annegare nel Mediterraneo. E anche qualora – auspicabilmente – trovassimo formule giuridiche più snelle per aumentare i reimpatri di coloro che commettono reati o non hanno titoli per restare da noi, come si fa a riportare nel suo paese un libico, un afghano, un siriano che viene da una città bombardata o un territorio controllato dall’Isis?

UN’IPORESI DI LAVORO: PERMESSI TEMPORANEI E A PUNTI

Ripeto, ammesso che esistano delle soluzioni, sono tutt’altro che semplici: l’unica possibile proposta che mi viene in mente – oltre a promuovere la cooperazione e gli accordi di reimpatrio con i paesi africani da cui traggono origine una buona parte dei flussi che interessano il nostro paese – è cercare di attivare dei flussi migratori contrattati e contingentati: si accolgono solo, previa attivazione di centrali di smistamento in loco, immigrati con permesso temporaneo (magari per lavori stagionali), e si concedono loro dei punteggi annuali legati ai loro progressi nella conoscenza della lingua e della legislazione italiana. Al raggiungimento di un determinato punteggio essi possono ottenere il permesso di soggiorno, e successivamente (e solo a patto che diano rispettate alcune condizioni precise) la cittadinanza. Chi non rispetta queste procedure (o commette reati) deve sapere che resterà magari in Italia, se non potrà essere reimpatriato, ma rimarrà sempre un clandestino.

Dev’essere chiaro che questa o altre possibili misure comportano una forte assunzione di responsabilità della politica, e anche consistenti stanziamenti di risorse: ma anche tenersi per anni i profughi in attesa di riconoscimento, o mettere davvero in carcere i clandestini (come presupporrebbe il mantenimento del reato) avrebbe costi tutt’altro che contenuti.

IMMIGRATI, DIFESA DELLA NOSTRA IDENTITA’ E INTEGRAZIONEultima modifica: 2016-01-10T23:02:28+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in immigrazione e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *