LETTA E IL GOVERNO COL PDL: IL CUORE SANGUINA, MA CHE ALTERNATIVE CI SONO’

Letta.jpgHo anch’io il cuore che sanguina all’idea che il mio voto contribuisca a sostenere un governo voluto da Berlusconi, e in cui il Cavaliere avrà un ruolo decisivo. Sul come ci siamo arrivati, e per responsabilità di chi, si sono scritte e si potrebbero aggiungere migliaia di pagine, ma mi sento di dire che la stragrande maggioranza degli elettori e una gran parte del gruppo dirigente del Pd  non avrebbe mai voluto questo esito, checché ne dica Grillo (che a sua volta ha dato un contributo al disastro).
A punto in cui sono arrivate le cose però bisogna fare un discorso chiaro a chi non vuole che si appoggi il governo Letta (e spetterebbe ai vertici  del Pd farlo, sia i favorevoli che i contrari):  quale alternativa proponete? Visto che non solo all’ordine del giorno governi diversi, andiamo al voto subito? Con la stessa legge elettorale? E con quale dirigenza?
 
LA SINISTRA AVRA’ IL TEMPO PER UN CHIARIMENTO INTERNO (E PER FAR DIMENTICARE AGLI ELETTORI IL DISASTRO DEI GIORNI SCORSI)
 
Anche ignorando le ricadute economiche di una nuova campagna elettorale, volete dare la maggioranza assoluta a Berlusconi? Oppure confidate nello stellone (già un po’ appannato) di Renzi, che implica però un radicale cambiamento della natura stessa del partito?
Io spero che il governo – oltre a prendere le decisioni necessarie per l’economia e il sistema elettorale – lasci alla sinistra il tempo per far dimenticare quanto accaduto nei giorni scorsi, e avviare una profonda riflessione su quello che vorrà essere nel prossimo futuro. Anche a costo di qualche strappo doloroso.
LETTA E IL GOVERNO COL PDL: IL CUORE SANGUINA, MA CHE ALTERNATIVE CI SONO’ultima modifica: 2013-04-24T15:29:44+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica. Contrassegna il permalink.

Una risposta a LETTA E IL GOVERNO COL PDL: IL CUORE SANGUINA, MA CHE ALTERNATIVE CI SONO’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *