MAURO CORONA: “CONFESSIONI ULTIME”, UN TESTAMENTO SPIRITUALE

 Coronaconfessio.jpgFortunatamente a 62 anni Mauro Corona è sempre forte come le rocce che continua a scalare, ma “Confessioni ultime”, il suo nuovo libro che esce in questi giorni per Chiarelettere (€ 13.90) si propone come un vero e proprio testamento spirituale, che organizza per capitoli i temi e le riflessioni già abbozzate in “Come sasso nella corrente”, del 2011, e in alcuni incontri pubblici degli ultimi tempi. È come quando, sentendo avvicinarsi il tramonto, si decide di mettere ordine nelle proprie cose, e soprattutto di dire le parole giuste alle persone che ci sono vicine, e alle quali dobbiamo delle spiegazioni o delle scuse. «Non voglio morire frainteso – dice infatti lui stesso – Mi sono accorto di aver recitato per tutta la vita una parte, ma dopo i 60 anni mi sono reso conto che mi disturbava pensare “se crepo la gente pensa io sia quello”, e ho voluto rimediare».

 

“BASTA CON GLI ECCESSI, MEGLIO LA SOBRIETA'”

Coronaconfessioni.jpgIl nuovo Corona, come sa chi ha avuto modo di ascoltarlo, ha abbandonato con l’alcol («20 mesi di astinenza», assicura) anche i toni sopra le righe che qualche volta caratterizzavano le sue performance pubbliche, e il personaggio del rodomonte senza regole e senza paura, macho e sicuro di sè, che lo ha accompagnato per lungo tempo. Nel suo nuovo alfabeto trovano posto ora parole come paura, fragilità, delicatezza, amicizia e amore, oltre a una insistita riflessione sul morire. Il tutto innestato, naturalmente, nel consueto richiamo alla sobrietà dei comportamenti, all’attenzione alla natura, all’inno alla vita libera e autentica che sono da sempre la sua cifra più vera, che ne hanno fatto – oltre che uno scrittore – un vero e proprio maitre a penser seguito da migliaia di estimatori.

SINCERITA’ E AUTODENUNCIA: “HO DATO IL CATTIVO ESEMPIO AI GIOVANI”

La sincerità, anche nelle sue manifestazioni più crude, rimane il tratto più tipico della scrittura di Corona: come quando torna sul suo difficile rapporto coi genitori, dai quali non ha avuto risposte a domande terribili: «Perché, volevo chiedere a mia mamma, hai abbandonato i tuoi figli, uno di sei anni, uno di cinque, e uno di sei mesi e non t’abbiamo più vista se non dopo il Vajont? Perchè ci hai lasciato nella miseria, caro padre, che ci legavi al palo col fil di ferro e ci davi le scuriate e l’olio di ricino?» Corona2013.jpg

Altrettanto esplicito, lo scrittore, è nell’autodenuncia: «Soprattutto verso i giovani provo senso di colpa – dice – per aver lasciato credere di essere un uomo riuscito e coraggioso, mentre sono pieno di paure e di fragilità, e anche per aver indotto molti di loro a bere, perché vedevano in me un modello. È facile dare esempi fasulli, mentre è molto più difficile dare esempi positivi». Anche per questo il suo prossimo libro sarà dedicato proprio ai più giovani, sempre più dediti allo sballo, alcolico o meno. «Si intitolerà, con un gioco di parole, “Guida poco che devi bere”, e lo pubblicherà ancora Mondadori, con cui ho ritrovato un’intesa dopo che mi hanno dato certe assicurazioni sulla valorizzazione dei miei libri, che non sono certo dei capolavori, ma vendono molto». Chiarelettere è, insomma, una parentesi, dovuta al fatto che il libro nasce da un’intervista con Giorgio Fornoni, di Report, che è allegata anche in Dvd.

“IMPARARE A LEGGERE IL PROPRIO CORPO, COMPRENDERE IL DOLORE”

Nelle “Confessioni” c’è anche dell’altro, come l’ammissione di essere stato «Un uomo arrogante, per paura. Anche antipatico, orgoglioso, vanitoso. Ho fatto di tutto per emergere, lavorando, approfittando, atteggiandomi». Ma c’è anche una parte propositiva, che invita «a imparare a leggere il nostro corpo, a insegnare ai bambini a coltivare il loro bosco interiore, a evitare di farci schiavizzare dai consumi inutili e individuare l’essenziale, a comprendere il dolore e a confrontarsi col morire, aprirsi all’amicizia e all’amore».

Un uomo nuovo, insomma, come si auto-definisce, che sta imparando a riscoprire se stesso e cerca di ridisegnarsi un ritratto esterno più confacente alla sua realtà interiore. Chissà se continuerò a piacere ai fans…

MAURO CORONA: “CONFESSIONI ULTIME”, UN TESTAMENTO SPIRITUALEultima modifica: 2013-04-23T11:34:37+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cultura e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a MAURO CORONA: “CONFESSIONI ULTIME”, UN TESTAMENTO SPIRITUALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *