I CINGUETTII DI MARIO MONTI, CONCITA, FIORELLO: QUANDO I VIP SI CONFESSANO CON UN TWEET

Twitter.jpegDecompressione: il governo è fatto (sottosegretari compresi), Berlusconi ha detto che bisogna lasciar lavorare Monti (prima diceva “lasciatemi lavorare”, ammetterete che è un bel passo avanti), della Germania si occupano già tanti altri, e della salvezza dell’euro anche… E così oggi io posso permettermi di occuparmi di… altro. Di Twitter, per la precisione.

Si, ci sono anch’io, anche se non ho ancora capito bene a cosa serva né come funzioni. Mi dicono però che per essere à la page bisogna stare lì, più che su Facebook, e che quelli che contano stanno arrivando tutti. Manteblog (se siete appassionati di queste cose il link è qui a fianco) segnala lo sbarco nel “pianeta dei cinguettii” di un’orda di maitres à penser, di direttori di giornali, da Ezio Mauro a Ferruccio De Bortoli, da Mario Calabresi a Concita De Gregorio (è una ex ma si batte bene), di ministri e vip dello spettacolo (il top è Jovanotti, con oltre 213mila seguaci, seguito da Fiorello con 200mila: si perché su Twitter più si è vip e più seguaci si hanno: per dire, io sono alla quota – migliorabile – di 17…).

 

QUELLI CHE ISPIRANO I VIP

Così mi sono divertito non tanto a spulciare quello che scrivono i citati vip, ma chi e che cosa seguono loro: chi sono, cioè, i vip dei vip. In questo modo faccio anche un servizio a voi lettori, se volete mettervi à la page pure voi.

Il più singolare è Umberto Eco, che non segue nessuno, e non ha mai inviato neppure un messaggio. Ha comunque ben 3785 persone che pendono dalle sue labbra: fiduciosi, prima o poi parlerà…

Concita invece ha 13372 seguaci, twitter,cinguettii,mario monti,concita de gregorio,ezio mauro,ferrucci de bortoli,massimo bucchi,stefano bartezzaghie ne segue a sua volta una trentina (è questo lo spread che fa il vero vip): fra di loro ci sono Massimo Bucchi, disegnatore di Repubblica e autore di battute fulminanti (consigliatissimo), Nichi Vendola, Stefano Bartezzaghi (anagrammi e giochi di parole), Roberto Saviano, Gianni Riotta, Sabina Guzzanti (ha inventato Fiorello Mannoia, non per niente ha 144mila seguaci), e poi Obama (fuori concorso: 11milioni e 342mila seguaci), Matteo Renzi, Luca Sofri, Ezio Mauro, Ferruccio De Bortoli.

A proposito dei due direttori: quello di Repubblica ha solo 9124 seguaci, quello del Corriere 30662. Ma chi segue il primo?  A parte i soliti Saviano e Bartezzaghi, soprattutto opinion leader e blogger stranieri, come Arianna Huffington (il blog dei blog più famoso del mondo), la Bbc, lo stratega di Bush, Karl Rove, l’economista Nouriel Roubini; e poi ecco le due passioni segrete:  Paolo Conte e Usain Bolt.

E De Bortoli? Tanti giornalisti da tenere d’occhio, Ezio Mauro (che però non ricambia), Serena Dandini, gli attori Pierfrancesco Favino e Massimo Boldi, il conduttore Andrea Pezzi, Maurizio Sacconi, Romano Prodi, Bersani, Bindi, Cota, e… Mario Monti.

MONTI, LA TORTA DELLA MERKEL E IL PROFILO RUBATO

Montitele.jpgEcco, parliamo un po’ dei cinguettii del presidente, che nel suo ultimo tweet promette in tempi brevi “una sensibile riduzione degli stipendi di deputati e senatori”: il professore nei tweet svela il suo volto umano e fornisce delle rivelazioni imperdibili: che al vertice con Merkel e Sarkozy, ad esempio, lui si sentiva troppo serioso, perché i due scherzavano tra loro, e lei gli dava la ricetta di una torta; poi rivela di non sopportare il nomignolo SuperMario (porta male) né la nomea di tecnocrate, confessa la sua paura per le aspettative suscitate dalla sua nomina, sollecita suggerimenti, dall’economia, al galateo anti-gaffe, persino sulle cravatte… A quel punto ho deciso di seguirlo anch’io (al momento siamo in 2188): così posso partecipare all’elaborazione del programma di governo, e fornire un significativo contributo all’immagine dell’Italia nel mondo, visto che in fatto di cravatte vado fortissimo…

Peccato che quei tweet non siano affatto di SuperMario: si tratterebbe infatti di un fake, cioè di un profilo rubato, anche se da qualcuno che osserva la politica da molto vicino e interviene a tono. Però Palazzo Chigi non ha ancora denunciato il falsario.

I MIGLIORI TWEET D’AUTORE

Per capire di cosa si tratta, ecco alcuni dei tweet più divertenti rubacchiati qua e là:

MASSIMO BUCCHI

Lento scivolare dell’Europa da AAA a CCCP

Da noi c’è il panic casareccio

Eu, il Vangelo secondo il Marco

L’arte astratta è quando il quadro viene appeso prima di essere dipinto

Socrate non voleva la cicuta. Chiese che lo lasciassero arrivare a mangiare il panettone

“E’urgente attendere” (Motto della diplomazia inglese)

Se resta lo jus sanguinis, per diventare italiano saranno necessarie diverse trasfusioni

Capita sempre più spesso che la cattiva notizia sia quella buona

Too Pig To Fail

Tutta Europa alla ricerca del prestigiatore di ultima istanza

AAA dev’essere una filiazione degli Alcolisti Anonimi

Il Trota pensa che l’Emilia Romagna un giorno si chiamerà Piadinia

STEFANO BARTEZZAGHI

Mario Monti: Rimontiamo

Renato Brunetta: aberrante un tot; Giulio Tremonti: il guitto minore.

Stefano Boeri: fai, tenebroso!

Ovunque Deambulante, Ignora Seduzioni. Scaltro, Eroico Acheo.

Il Livoroso Cavaliere Addita I Magistrati Al Nostro Odio.

Invitto, L’Irato Achille Debella Ettore.

Libidinoso Omaccione Lede Intimità Tredicenne Adottata

SPINOZA.IT  

Trattativa Stato-mafia, indagato Dell’Utri. Lo hanno intercettato mentre parlava da solo.

Emilio Fede: “Se Berlusconi abbandona la politica lascio il Tg4″. Che cazzo lasci, portatelo via.

Violenta per dieci anni una bambina, ma alla fine scopre che è sua figlia. Tutto è bene quel che finisce bene.

 

I CINGUETTII DI MARIO MONTI, CONCITA, FIORELLO: QUANDO I VIP SI CONFESSANO CON UN TWEETultima modifica: 2011-11-29T12:20:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in costume, Informazione, tecnologia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a I CINGUETTII DI MARIO MONTI, CONCITA, FIORELLO: QUANDO I VIP SI CONFESSANO CON UN TWEET

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *