TRA PRECARI E GARANTITI (ANCHE SE POCO) RISCHIA DI CRESCERE L’INCOMUNICABILITA’

precari.jpgDistratti, almeno nel Veneto, dall’incursione no-global che ha fatto cancellare la manifestazione dei precari a Padova, abbiamo trascurato il nodo vero della giornata di mobilitazione di sabato, il rapporto – anzi, il mancato rapporto – di una enorme fascia di giovani e meno giovani col lavoro, e le difficoltà di comunicazione (nel senso di condivisione dei problemi che questo comporta) con coloro che invece un lavoro fisso continuano ad averlo. Una frattura che una società solidale come quella che vogliamo costruire non si può permettere.

Ecco a questo proposito alcuni dati e alcune riflessioni di Mario Deaglio, già direttore del Sole 24 ore ed editorialista economico della Stampa.

Il nodo fondamentale però, che neppure qui viene affrontato a fondo, è come assicurare qualcosa a chi non ha niente, senza toglierlo a chi ha già poco.

http://giovannitaurasi.wordpress.com/2011/04/10/le-due-italie-del-lavoro-che-non-si-parlano-di-mario-deaglio/

TRA PRECARI E GARANTITI (ANCHE SE POCO) RISCHIA DI CRESCERE L’INCOMUNICABILITA’ultima modifica: 2011-04-11T10:36:29+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in economia, politica, società e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *