CALEARO LADRO DI VOTI: LI PRENDE AI POVERI PER PORTARLI AI RICCHI

calearo.jpg”Avevo dichiarato sin dal voto di settembre sui 5 punti che avrei sostenuto il governo se il mio voto fosse stato decisivo. Il Paese non si puo’ permettere una crisi di governo in questo momento. Ho il cellulare intasato dai messaggi dei miei colleghi imprenditori che mi ringraziano”. Cosi’ Massimo Calearo,  eletto col Pd (qui mentre sfiora la reliquia Veltroni), ha spiegato il suo voto per Berlusconi.

Dunque, è noto a tutti che in occasione delle ultime elezioni di voti fra gli imprenditori Calearo ne ha presi pochini. Persino suo padre aveva giurato che non lo avrebbe votato.

Ora, sappiamo bene che in Italia i parlamentari non hanno il vincolo di mandato. Ma perchè Calearo, mentre tradisce le aspettative di coloro che lo hanno votato, invece di prendersi le proprie responsabilità giustifica la sua giravolta appellandosi alle esigenze degli imprenditori che non lo hanno votato?

Possiamo dunque replicargli che politicamente è un ladro? Ladro di voti, quantomeno? Che ruba ai poveri per dare ai ricchi, come un Robin Hood alla rovescia?  (i poveri – in senso lato – siamo noi, che abbiamo solo i voti; i ricchi, beh, quelli sappiamo chi sono).

Io credo proprio di si. E sono convinto che avrà ricevuto i complimenti degli amici imprenditori, ma non ne avrà riconquistato la stima.

CALEARO LADRO DI VOTI: LI PRENDE AI POVERI PER PORTARLI AI RICCHIultima modifica: 2010-12-14T16:47:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Cattivi pensieri, politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a CALEARO LADRO DI VOTI: LI PRENDE AI POVERI PER PORTARLI AI RICCHI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *