IMMIGRAZIONE: CARO ZAIA, VORRESTI ESSERE ANGELA MERKEL MA PROPRIO NON CI RIESCI…

merkel.jpg

L’altro ieri ho registrato conZaia.jpg qualche sorpresa che non avevo obiezioni sostanziali sulle posizioni della Merkel a proposito di immigrazione, multiculturalismo eccetera. Starò diventando conservatore? Mi sono chiesto…

Sorpresa ancora maggiore, ieri, leggendo sul Gazzettino le lodi di Luca Zaia alle posizioni della cancelliera tedesca, poi ribadite ieri nella conferenza stampa del governatore in Regione. Sta a vedere, mi sono detto, che ora devo rimettere in discussione anche il mio libro “Caro Zaia vorrei essere leghista ma proprio non ci riesco?”, perché sto diventando anche leghista?

 

E così sono andato a rileggermi le cose che dice la Merkel (vedi il post di ieri), e poi le cose che dice Zaia, e mi sono tranquillizzato.
Valutate voi:

IL GAZZETTINO.doc

Allora vorrei chiedere al Governatore, che plaude alle posizioni della cancelliera: c’è qualcuno nella Lega, anzi, in tutto il centro-destra (e persino in buona parte del centrosinistra), che ha il coraggio di dire, come lei, che “L’Islam è una parte integrante dell’Italia”?

 

C’è qualcuno che, a fronte di un 60% di cittadini favorevoli
a restrizioni alla libertà religiosa degli islamici, ha il coraggio di
difendere, come fa lei, la costruzione delle moschee?

 

C’è qualcuno disponibile a sostituire lo “jus sanguinis”,
per cui si è italiani sono se si è figli di italiani, con lo “jus soli”, come
in Germania, dove per diventare cittadini tedeschi basta nascere nel territorio
nazionale da almeno un genitore che vi risiede legalmente da otto anni?

 

Ecco, se c’è qualcuno nella Lega disposto ad accettare
tutto questo, allora posso definirmi leghista anch’io…

 

 

 

 

 

 

IMMIGRAZIONE: CARO ZAIA, VORRESTI ESSERE ANGELA MERKEL MA PROPRIO NON CI RIESCI…ultima modifica: 2010-10-20T02:03:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in immigrazione, politica, società. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *