DIETRO LE QUINTE DI CATERPILLAR: MASSIMO CIRRI, “DA QUESTO OSSERVATORIO ABBIAMO VISTO CAMBIARE L’ITALIA”

Caterpillar, Senigallia, CaterRaduno, Massimo Cirri, ItaliaDietro le quinte di Caterpillar, in onda ieri per l’ultima puntata della sua 17. edizione dal CaterRaduno di Senigallia. Accanto a Massimo Cirri, Paolo Maggioni e Sara Zambotti, e ai “mattutini” Filippo Solibello, Natasha Lusenti, Marco Ardemagni e Cinzia Poli, c’erano anche Michele Serra, che ha declamato la sua poesia sull’evento,“macchiata di sugo di cozza”, e l’ex direttore di Rai3 (ora corrispondente da Parigi) Antonio Di Bella, che a fine puntata ha deliziato il pubblico, bagnato fino alle ossa da una fitta pioggia, con le sue canzoni più divertenti, dedicate tra gli altri a Moustaki, a Hollande e a Strauss Kahn.

 

Ho chiesto a Massimo Cirri come ha visto cambiare il pubblico di Caterpillar in questi 17 anni, e quale Italia viene alla ribalta nella trasmissione.

Caterpillar, Senigallia, CaterRaduno, Massimo Cirri, Italia  Caterpillar, Senigallia, CaterRaduno, Massimo Cirri, Italia

DIETRO LE QUINTE DI CATERPILLAR: MASSIMO CIRRI, “DA QUESTO OSSERVATORIO ABBIAMO VISTO CAMBIARE L’ITALIA”ultima modifica: 2013-06-29T02:16:44+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cinema e tv, cultura, Informazione, Interviste, Video e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *