“SARA’ UN ANNO DI M…”: GLI SPASSOSI ANTI-OROSCOPI DI SABELLI FIORETTI

Sabelli.jpgCosa ne direste di un oroscopo che vi dice cose così: “Il 2012 sarà un’annataccia. Al nato sotto il segno della Vergine (sarei io) verrà perfino il dubbio di aver perso il biglietto di una lotteria prima di averlo controllato”? E che alle caratteristiche personali aggiungesse : “Siete pedanti, meticolosi, precisini, maestrini, pignolini, sapete sempre tutto voi e non ammettete di essere contraddetti”? Come minimo accartocciate il giornale e lo buttate nella stufa. E invece in questo caso no: primo perchè conoscete l’autore, Claudio Sabelli Fioretti, e sapete che è lui il primo a non credere a gran parte di quello che dice; secondo, perchè la lettura del ultimo libro, dedicato appunto agli oroscopi, è di uno spasso unico.

 

Gli ascoltatori di “Un giorno da pecora”, forse la trasmissione più divertente di RadioRai, lo conoscono bene: col suo tono scanzonato – assieme a Giorgio Lauro – ha preso soavemente in giro metà del Parlamento italiano. Quelli con un po’ più in là con gli anni ricorderanno di lui anche qualcos’altro: infatti nei suoi 67 anni ha collezionato un catalogo di direzioni, collaborazioni, licenziamenti, chiusure di giornali da fare ombra a quello muliebre di Don Giovanni. C’è da sospettare che anche il suo rapporto con i media assomigli a quello del grande seduttore con le donne. Ha diretto, fra gli altri, “Abc”, “Sette”, il mitico “Cuore”, “GenteViaggi”, “Pm”, ma ha lavorato anche alla Repubblica, al Corriere, a Io donna, alla Stampa, a Panorama, all’Europeo, per citarne solo qualcuno. E ha scritto una dozzina di libri sui temi più improbabili.

LE STELLE BASTARDE E I POLITICI VOSTRI COMPAGNI DI SEGNO

Sabellilibro.jpgL’ultimo come dicevo affronta uno dei temi del momento, e si definisce fin dal titolo per la carognata che è: “Stelle bastarde”, ovvero “segno per segno lo zodiaco che non mente” o ancora: “Perché gli oroscopi sono stupendi ma la vita fa schifo?” Il libro, illustrato dai disegni di Natangelo, costa 12 euro, ed è edito da Chiarelettere, giovane casa editrice che pubblica anche Marco Travaglio, Oliviero Beha, don Andrea Gallo, Beppe Grillo, Massimo Fini, Luigi De Magistris: insomma il fior fiore dei rompi… nostrani. Fra i quali Sabelli Fioretti si deve trovare molto a suo agio, quando scende dalle montagne di Lavarone, dove vive in una contrada con altri quattro abitanti.
Certo, più che un oroscopo tradizionale quello proposto da Sabelli Fioretti è un anti-oroscopo, che l’autore attribuisce ad un astrologo-ghost writer in sandali e calzini incontrato su un treno, e che lui avrebbe solo messo in bella copia, ma soprattutto arricchito con gli spassosi ritratti di dodici politici italiani (uno per segno) e con alcuni interessanti raffronti fra personaggi nati nello stesso giorno (e quindi in teoria dotati dello stesso oroscopo): ad esempio, se è noto che Bersani e Berlusconi sono entrambi nati il 29 settembre («dovrebbero avere lo stesso carattere – dice l’autore – Per questo ho chiesto a Niccolò Ghedini di mettere mano a una riforma dello zodiaco»), forse non tutti sanno che condividono la stessa data di nascita (ma… in anni diversi) anche Massimo D’Alema e Adolf Hitler (20 aprile), Noemi Letizia e Ludwig Wittgenstein (27 aprile), Ernesto “Che” Guevara e Francesco Rutelli (14 giugno), Ignazio La Russa e Nelson Mandela (18 luglio)..

TUTTI I SEGNI, DIFETTO PER DIFETTO

Insomma, laddove gli altri oroscopi “lisciano” il cliente, per capire com’è quello di Sabelli Fioretti basterà una rapida lettura dei capitoli: l’Ariete è un capoccione (testimonial D’Alema: “A scuola chiamò i genitori del professore di italiano e disse loro: Non si impegna”), il Toro è ossessivo (vedi Bondi: “Fa recapitare ogni mese dieci suoi capelli con bulbo a Berlusconi, dentro un astuccio di Bulgari. Com’è come non è , Bondi in breve diventa completamente calvo. A Berlusconi, misteriosamente, ricrescono i capelli”), il Gemelli è un cacadubbi (Brunetta), il Cancro è pazzo (Gelmini), il Leone è un prepotente (Tremonti), il Vergine è un pignolino (Bossi), il Bilancia è un codardo (Berlusconi), lo Scorpione è un musone (Alfano), il Sagittario è un mitomane (Carfagna), il Capricorno è un insensibile (Andreotti), l’Acquario è un visionario (Mastella), il Pesci è un bislacco (Maroni).
Fra i ritratti ecco due righe su Tremonti: «È visibilmente superiore al mondo che lo circonda. A quelli che non se ne accorgono, lo spiega lui. La vita gli dà tutto tranne la “r”…» E via di questo passo. Naturalmente si sprecano le previsioni, in genere tra il catastrofico e il bislacco. Prendiamo ad esempio il “giorno magico” dell’Ariete, il 25 settembre: «Qualsiasi cosa facciate andrà a buon fine. Ecco, non tentate il suicidio».
Insomma, forse il libro è più adatto a quelli che non ci credono…

“SARA’ UN ANNO DI M…”: GLI SPASSOSI ANTI-OROSCOPI DI SABELLI FIORETTIultima modifica: 2012-01-06T13:34:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in costume, libri e fumetti, Satira, società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *