L’INCHIESTA SUI SINTI VENEZIANI: E’ ORA CHE LA COMUNITA’ SI DIMOSTRI RESPONSABILE

sinti,rom,nomadi,inchiesta,villaggio,vallerani,mestre,reciprocitàTre anni fa ho firmato e diffuso l’appello, che allego sotto, sul villaggio per la comunità dei Sinti a Mestre, sottoposta agli attacchi del centro-destra e di una parte della popolazione circostante.

Comprenderete come mi disturbano adesso le notizie sull’inchiesta per le rapine che ha coinvolto numerosi componenti di quella comunità. sinti,rom,nomadi,inchiesta,villaggio,vallerani,mestre,reciprocitàAllego tra l’altro un articolo del Gazzettino che riporta alcune delle loro intercettazioni, ma vi prego di soffermarvi anche sui commenti sottostanti, alcuni magari sopra le righe, ma abbastanza comprensibili.

In giro per l’Europa, soprattutto dell’est, sinti e rom sono sottoposti ad una feroce discriminazione, basata solo sulla loro appartenenza etnica. Io ho sempre difeso le comunità nomadi, sostengo che la loro diversità culurale arricchisce la nostra società. E ci sono tante associazioni, gruppi politici, intellettuali che fanno lo stesso.

Ma chi li difende deve anche trovare il coraggio di guardare in faccia i problemi: la tutela della diversità, di comportamenti eccentrici rispetto a quelli dominanti, non può significare indifferenza di fronte a dei reati; e non si può nemmeno limitarsi a stigmatizzare i singoli e ad invitare a non criminalizzare l’intera comunità sinta. Quando il numero delle persone coinvolte è quello che appare (una ventina), quando la rete delle complicità e delle connivenze è così estesa, deve essere la stessa comunità a farsi carico (politicamente e culturalmente, quanto meno) del problema, cominciare ad affrontarlo con responsabilità, all’interno e all’esterno. Altrimenti il lavoro di coloro che li aiutano sarà stato inutile, e i rigurgiti razziali nei loro confronti inevitabili.

La legalità deve diventare un valore, non restare un paravento, dietro il quale si celano comportamenti criminali. Sulla bilancia del dare e dell’avere la città di Venezia ha messo scelte impegnative e azioni concrete. Ora deve chiedere con fermezza e severità ai sinti assunzioni di responsabilità, reciprocità e condivisione.

articolo.php?id=164667&sez=NORDEST#

articolo.php?id=164792&sez=NORDEST

Appello alle donne e agli uomini di buona volontà

Il progetto Sinti: la città cresce e migliora

 

Siamo donne e uomini impegnati in ambiti diversi, convinti che la nostra città possa crescere in integrazione e sicurezza, ricca delle proprie diversità e unita dalla condivisione di un destino comune, senza paura del futuro.

Siamo molto colpiti da quanto sta accadendo intorno al previsto insediamento per la comunità dei Sinti in via Vallenari a Mestre. Assistiamo con grande preoccupazione alla sistematica denigrazione di una comunità che da decenni, grazie a una generosa e lungimirante intuizione di una grande personalità cittadina, il vicario patriarcale mons.Valentino Vecchi, vive tra noi in modo sempre più integrato, proprio perché realizzato in positivo equilibrio tra la fedeltà alle proprie tradizioni e ai propri stili di vita e la condivisione delle fondamentali regole del vivere insieme, nell’adempimento dei doveri e nella disponibilità dei diritti che distinguono l’effettivo esercizio della cittadinanza.

La costruzione del nuovo insediamento nasce da questo percorso ed è davvero incomprensibile, se non in una logica di mera speculazione politica, che stia suscitando una tale campagna di ostilità e di criminalizzazione. Una campagna che, ricordiamo, colpisce cittadini italiani, veneziani, che lavorano regolarmente, che mandano regolarmente a scuola i loro figli, che vivono regolarmente (sia pure, naturalmente, con i limiti che tutti possiamo avere e gli errori che tutti possiamo compiere) e che, nel nuovo insediamento, pagheranno regolarmente l’affitto, l’acqua, il gas, la luce, come tutti, e le cui abitazioni, realizzate dall’amministrazione nel rispetto delle loro tradizioni e delle loro libere scelte, costeranno infine alla comunità molto meno di qualsiasi altra soluzione.

Per questo la strada civilissima e razionale scelta dal Comune di Venezia è quella più convincente e costruttiva, e per questo ci sentiamo di sostenerla. Per questo chiediamo l’appoggio di tutta la città, delle donne e degli uomini di buona volontà, affinché manifestino con noi in modo pubblico, scacciando gli spettri lividi della xenofobia e perchè, al contrario, anche all’opinione pubblica più ampia raggiunta in questi giorni da messaggi di odio, si riveli con forza il volto più maturo e consapevole di una città che sa guardare con lucidità al proprio presente e con fiducia al proprio futuro.

 

L’INCHIESTA SUI SINTI VENEZIANI: E’ ORA CHE LA COMUNITA’ SI DIMOSTRI RESPONSABILEultima modifica: 2011-10-01T12:23:13+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Nordest, società e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *