IL GOVERNO: TORNANO LE MANETTE AGLI EVASORI, MA NEL VICENTINO…

Finanza.jpgNella manovra burla messa in piedi dal Governo tornano le manette agli evasori, provvedimento tanto vituperato quando a proporlo era il cattivissimo Visco.

Però ora le inchieste della Guardia di Finanza di Vicenza hanno individuato nell’Arzignanese decine di aziende coinvolte nelle truffe fiscali, con migliaia di lavoratori che ricevevano gli straordinari in nero. Finiranno tutti in galera?

NIENTE SINDACATO: MA ORA IL CONTO ARRIVA ANCHE AI LAVORATORI

“Riuscimmo a fare delle tessere nelle aziende dei Mastrotto – racconta Giorgio Santini, segretario nazionale della Cisl, all’epoca responsabile vicentino –  ma dopo pochi mesi ci vennero restituite, e da allora non abbiamo più messo piede in quelle fabbriche”.

Ora quegli stessi lavoratori, che hanno fatto i furbi (“che ce ne facciamo del sindacato?”) dovranno sborsare al fisco migliaia di euro, e in 400 sono finiti in Cassa integrazione: con l’evasione non si realizza un vero sviluppo, ma si aiutano a sopravvivere aziende incapaci di competere correttamente sul mercato.

Accettare di condividere delle piccole irregolarità significa diventare complici di evasione fiscale e di reati anche ben più gravi, inquinare il tessuto produttivo e incrinare la coesione sociale.

http://www3.lastampa.it/cronache/sezioni/articolo/lstp/417806/

 

IL GOVERNO: TORNANO LE MANETTE AGLI EVASORI, MA NEL VICENTINO…ultima modifica: 2011-09-02T01:58:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in economia, Nordest e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *