GOOGLE, I SOCIAL NETWORK E LO SVILUPPO DELLA DEMOCRAZIA: UN DIBATTITO CON MARCHIORI E ZANONATO

Marchiori2.jpgConfronto interessante, ieri sera alla festa del Pd di Padova, sui nuovi sviluppi della Rete e le sue ricadute sulla democrazia, con un brillantissimo Massimo Marchiori, inventore dell’algoritmo di Google, e il sindaco Flavio Zanonato,

perfettamente a suo agio su questi temi. Entrambi tecno-entusiasti, ovviamente, col sottoscritto a fare la parte dell’avvocato del diavolo.

Marchiori ha raccontato i suoi inizi, quando il fatto di dover fare le sue ricerche, all’Università di Padova, su un unicoMarchiori3.jpg computer condiviso con 20 colleghi lo ha convinto che era meglio andare a ricercare all’estero. E il ritorno in Italia, qualche anno dopo e già carico di onori, è stato anche peggio, tra burocrazia e clientelismo, con ripetute bocciature ai concorsi universitari allestiti dai baroni appositamente per far passare i loro protetti. Per fortuna c’era il Mit di Boston, e l’ascesa nell’empireo della Rete, con incarichi (e stipendi) sempre più interessanti.

Ora, all’università di Padova, va decisamente meglio, e nel suo settore può continuare a collaborare con gli americani via internet.

Marchiori si occupa in particolare delle relazioni fra le Rete e le persone, visto che la tendenza del Web – dopo anni di separatezza un po’ autoreferenziale – è di entrare sempre più nella società circostante. Affascinante, indubbiamente, ma anche un po’ inquietante.

Io personalmente – pur apprezzando i vantaggi della tecnologia – mantengo delle precise riserve sull’influenza delle macchine sul nostro modello di convivenza (vedi post del 4 e 6 agosto scorsi); riserve accresciute, semmai, dalla considerazione – emersa anche dall’incontro di domenica – che alle macchine, ai computer collegati in rete, in questo caso, abbiamo affidato una mole di conoscenze che noi uomini non riusciamo più a gestire, a collocare, persino a comprendere; non solo: i motori di ricerca come Google (o i social-network come Facebook) sono di fatto diventati i tenutari di gran parte dei nostri segreti (basta schedare quali siti visitiamo, o le persone con cui veniamo in contatto), ma anche i luoghi in cui si seleziona la nostra conoscenza, l’agenda dei nostri interessi.

E non sappiamo come questo avvenga; Marchiori ha fatto un bell’esempio a proposito degli elenchi di risultati forniti da Google quando lanciamo una ricerca, e sappiamo che ben il 98% degli utenti si ferma alla prima pagina proposta dal motore, per cui di fatto chi si colloca alla terza o quarta pagina rimane sostanzialmente invisibile al pubblico: ma in base a quali criteri avviene la selezione di questi risultati? E’ come se partecipassimo alle elezioni, infilando le nostre schede nell’urna, e poi qualcuno, senza la presenza di scrutatori, rappresentanti di lista, controlli etc. ci comunicasse i risultati.

Non per questo bisogna bloccare la ricerca e frenare la tecnologia, ammesso che fosse possibile: Marchiori ha ricordato che quando fu inventata la scrittura illustri filosofi del passato, come Socrate, erano contrari, perché essa avrebbe fossilizzato il pensiero rispetto alla libertà assicurata dalla sua trasmissione orale. Sappiamo com’è andata, per fortuna (nostra e anche del pensiero di Socrate).

Zanonato ad esempio ha fatto capire come grazie a web e social network (il cosiddetto web 2.0) sia possibile instaurare nuovi rapporti, più diretti, con i cittadini: soprattutto rispetto alla fruizione passiva, come avviane con la televisione, i nuovi mezzi consentono una comunicazione reciproca, il cittadino stesso può dire la sua direttamente al sindaco, con indubbi benefici per la vita democratica. Insomma, sulla Rete avanza anche un nuovo protagonismo delle persone normali.

Il dibattito, naturalmente, è aperto.

 

GOOGLE, I SOCIAL NETWORK E LO SVILUPPO DELLA DEMOCRAZIA: UN DIBATTITO CON MARCHIORI E ZANONATOultima modifica: 2010-09-13T12:10:00+00:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in società, tecnologia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a GOOGLE, I SOCIAL NETWORK E LO SVILUPPO DELLA DEMOCRAZIA: UN DIBATTITO CON MARCHIORI E ZANONATO

  1. bike jerseys cheap Amazon Shopper online retail,with link:
    cheap goalie jerseys

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*