ECCO COME L’ATTENTATO DI PARIGI CI RENDE TUTTI UN PO’ PEGGIORI

CharlieOggi l’orologio della storia – anche quello che pulsa dentro ognuno di noi –  è tornato indietro di anni.

La mia prima reazione alla strage di Parigi è stata viscerale, di rabbia e di vendetta: volevo scrivere su Facebook una battuta blasfema su Allah.

Poi mi sono fermato, perchè ho pensato che potrebbe essere pericoloso.

E così  ho sperimentato in me stesso, in rapida successione, sia la truce regressione a cui ci spinge la strage di Parigi, che la conseguente, umiliante autocensura che essa ci impone.

Solo dopo ho pensato che Allah c’entra ben poco, e che tre terroristi non possono spingermi a odiare o temere l’islam, e ad offendere milioni di islamici pacifici e serenamente integrati: fra i quali anche il poliziotto Ahmed, ucciso dai suoi sedicenti correligionari mentre difendeva i valori della libertà d’espressione e della convivenza.

In ogni caso la mia sensazione fortissima, stasera, è di essere un po’ meno libero e un po’ meno civile.

ECCO COME L’ATTENTATO DI PARIGI CI RENDE TUTTI UN PO’ PEGGIORIultima modifica: 2015-01-08T01:56:33+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Esteri e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *