A TU PER TU COL MIO CALICANTO…

Una quindicina di anni fa fece furore un piccolo libro di uno sconosciuto scrittore francese, Philippe Delerm, dal titolo “La prima sorsata di birra. E altri piccoli piaceri della vita”, oggi praticamente introvabile. L’autore illustrava il suo personale elenco di istanti che avevano impreziosito la sua vita, dalle conversazioni attorno al tavolo di cucina sgusciando piselli alla raccolta di more nel boschi, dal profumo delle mele in cantina al rosso cupo di un bicchiere di Porto.

All’epoca vademecum come questi si snobbavano, poichè si pensava ancora che fosse il mondo intero a dover migliorare, e che soluzioni individuali di minima come quelle patrocinate da Delern fossero inutili e fuorvianti. Poi abbiamo visto com’è andata…

E allora tanto vale. Ora penso che in effetti ognuno di noi, applicando un po’ di consapevolezza alla propria quotidianità, possa “catturare” dei piccoli momenti di felicità che non solo migliorano la sua vita, ma aiutano a migliorare le relazioni con chi gli sta intorno.

Personalmente mi sono imposto di trovarne almeno uno ogni giorno, di questi momenti, e di soffermarmici qualche istante (più a lungo non potrei) per assaporarlo. Molti sono fra i più banali: gustare una caramella, invece di masticarla e ingoiarla sopra pensiero; sentire le gambe che girano bene durante una corsetta; apprezzare un panorama, una pagina, un complimento. Devo dire che questo non basta – ma aiuta – a cambiare l’umore di una brutta giornata; anche perchè ho notato che col tempo e l’allenamento questi momenti positivi si moltiplicano nella percezione, finendo per accumulare davvero degli effetti benefici sullo stato d’animo, nonostante il clima plumbeo in cui siamo immersi.

Ah, in questi giorni il mio “piccolo piacere” è soffermarmi qualche istante davanti al calicanto in giardino: lui diffonde il suo profumo, io gli dimostro il mio apprezzamento. Sono convinto che faccia piacere anche a lui…

foto

A TU PER TU COL MIO CALICANTO…ultima modifica: 2014-01-11T21:35:39+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in costume, personale, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *