CARI LEGHISTI, MEGLIO DEFINIRSI RAZZISTI CHE QUELLE SCUSE PENOSE

Kyenge.jpgSul caso Calderoli (ma anche Stival, Borghezio, Boso, Valandro etc.) ancor più penose degli insulti al ministro Kyenge sono le giustificazioni addotte a posteriori (“era una battuta”, “ho solo condiviso un link”), i piagnistei (“sono stato strumentalizzato”, “nessuno solidarizza con noi quando ci colpiscono”), i presunti rimedi (le mezze scuse, gli inviti a… Bergamo).

Preferirei di gran lunga che uno, uno solo di loro, dicesse esplicitamente: “è vero, non sopporto i negri, e penso che noi bianchi siamo migliori”. 

LA KYENGE E’ PIU’ ITALIANA DI LORO, PER MERITO

Ci sarebbe almeno l’opportunità di aprire un dibattito nel merito; merito in senso stretto, intendo: ad esempio analizzare la proprietà di linguaggio e il perfetto aplomb istituzionale della ministra a fronte dei grugniti senza costrutto e senza alcuna consapevolezza di sé dei suoi avversari: la sua capacità di esprimere un concetto come questo (“se non è in grado di tradurre un disagio in un linguaggio anche duro, ma corretto, bisogna forse dare il suo incarico a chi è capace di farlo”), che probabilmente Calderoli e i suoi non sono neppure in grado di comprendere. Se la cittadinanza italiana venisse concessa per merito (invece che per diritto di sangue) dubito che Calderoli & c ne avrebbe diritto. E sicuramente la ministra nera sarebbe più italiana di tutti loro.

GLI INSULTI A BRUNETTA E ALLA SANTANCHE’

 

Brunettamoglie.jpgQuanto alla posizione minimalista del centro-destra (“anche a Brunetta danno del nano, e alla Santanchè della pitonessa, e nessuno dice niente”), è vero, è ora di finirla di scherzare sull’altezza del capogruppo pidiellino, e chi lo fa si qualifica da solo anche se è un premio Nobel (Fo) e un grande chirurgo (Strada): ma che lui sia basso è un fatto, mentre la Santanchè si definisce lei stessa in quel modo. Ma se c’è qualcuno che assomiglia a una scimmia, in questa vicenda, non è certo la Kyenge.

CARI LEGHISTI, MEGLIO DEFINIRSI RAZZISTI CHE QUELLE SCUSE PENOSEultima modifica: 2013-07-16T12:48:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *