RIGONI STERN E MENEGHELLO, UN RICORDO CONGIUNTO

RigoniSternFazio.jpgUn saluto agli amici che oggi camminano verso Cima Isidoro IMG_0967.JPG per ricordare i “piccoli maestri” di Luigi Meneghello, e un ricordo di Mario Rigoni Stern nel quinto anniversario della sua scomparsa (avvenuta, come avrebbe voluto, in un giorno di tarda primavera, quando in montagna si risveglia la natura), affidato alle sue parole tratte da “Stagioni”, il suo ultimo libro.

In questo luogo (a destra la partenza dalla Fossetta, lo scorso anno) si svolgono anche le vicende del recupero della salma del Moretto, ricostruite da Rigoni Stern nel racconto “Un ragazzo delle nostre contrade”. 

di Mario Rigoni Stern*

RigoniSterntomba.jpgFare una passeggiata per il Cimitero in un giorno di primavera non è greve; è invece ritrovare memorie e dolce malinconia. Non memorie cattive o fastidiose, o sensi di rabbia, o di rammarico per eventuali torti subiti, ma nomi e immagini di parenti, amici, coetanei, conoscenti, compaesani, e risalire le storie anche lontane nel tempo per averle sentite raccontate, o lette. Ogni volta mi ripeto che conosco più le persone che sono qui che non quelle che vivono nel paese.

In primavera è persino bello passare delle ore camminando lentamente nel nostro Cimitero (…)

Saluto la maestra Elisa che m’insegnò a leggere e a scrivere, don Giovanni che mi insegnava la grammatica e a far di conto, il bisavolo avvocato e patriota nel 1948; il grande nonno Toni, naturalmente, e la nonna Neni che prima di morire di sorrise e mi fece ciao; lo zio medico che amava scherzare con me e che da bambino mi curò dal vino che mi fcevano bere di nascosto i famigli; don Antonio, lo zio del nonno, che tutte le prebende della sua ricca parrocchia donava ai poveri e morì senza camicia.

Naturalmente anche mio padre e mia madre, e i miei fratelli che mi hanno preceduto. Ma quanti amici!

(…)

I merli fanno i nidi sugli alberi intorno al Cimitero e in questa stagione arrivano sempre anche i cuculi. Loro annunciano la primavera pure ai defunti, mi viene da dire; ma questo si sa non è possibile perchè loro non hanno contatto con questo mondo. Mi fa piacere pensarlo. Anche per voi sia primavera. Fioriscano le vostre tombe.

*da “Stagioni”

RIGONI STERN E MENEGHELLO, UN RICORDO CONGIUNTOultima modifica: 2013-06-16T12:29:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cultura e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a RIGONI STERN E MENEGHELLO, UN RICORDO CONGIUNTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *