IL NUOVO PAPA, LA STATUA DI WOJTYLA E QUEL VUOTO SOTTO IL SUO MANTELLO

IMG_2897.JPGMi ha molto colpito, oggi a Roma, passare davanti alla statua di Papa Wojtyla di Oliviero Rainaldi, fuori dalla stazione Termini: l’avevo già vista, ma non mi ero mai accorto che sotto il volto sereno e le spalle possenti, sotto l’ampio manto proteso (immagino) verso i fedeli, c’è il vuoto. Mi è sembrata una metafora della situazione della Chiesa che, al di là dei fasti che ancora ostenta, non se la passa molto bene, soprattutto nelle questioni decisive della fede e nei suoi rapporti col mondo.

Poi, in serata, ecco il nuovo Papa, PapaFrancesco.jpgdal nome e dal piglio incoraggiante, ma con quella ombra sui suoi rapporti con la dittatura dei generali che aspetta ancora di essere dissolta. Non mi avventuro in commenti che non mi competono (ne abbiamo sentiti fin troppi in queste ore), ma credo che l’augurio da fare a Papa Francesco e alla sua Chiesa sia di riuscire a colmare (di idee, atteggiamenti, fedeli) quel vuoto sotto l’ampio mantello.

IL NUOVO PAPA, LA STATUA DI WOJTYLA E QUEL VUOTO SOTTO IL SUO MANTELLOultima modifica: 2013-03-14T00:50:21+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Religione e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a IL NUOVO PAPA, LA STATUA DI WOJTYLA E QUEL VUOTO SOTTO IL SUO MANTELLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *