MONTI E GRILLO, IL CAZZEGGIO MEDIATICO E LA RABBIA DI PIAZZA

Monti, Grillo, televisione, cazzeggio, piazze, sinistra, Pd, rabbiaMonti, Grillo, televisione, cazzeggio, piazze, sinistra, Pd, rabbiaC’è un po’ di strabismo, in questa campagna elettorale. Soprattutto in chi la segue. Prendete i candidati in corsa per il terzo posto, dopo Pd e Pdl, cioè Grillo e Monti. Una ventina di giorni fa erano più o meno appaiati nei sondaggi, attorno al 15%, oggi fra il primo e il secondo ci sono dai 3 ai 4 punti, tra quello che ha guadagnato il comico e quello che ha perso il premier. Eppure il primo non se lo fila nessuno, in tv (perché al momento non ci va) e sui giornali, mentre il secondo è ormai in perenne sovra-esposizione mediatica.

Ho l’impressione che il presunto guru di Obama che ha preso in cura il “candidato Monti” non ci stia pigliando molto: prima la versione aggressiva, che ne ha demolito l’immagine sobria e autorevole, ora quella fru fru, che ne mette in dubbio la proverbiale sobrietà, di cui ha dato un saggio (anche divertente, per carità) ieri sera dalla Bignardi, con cagnolino, twitter, “wow”, “gasato” e tutto il resto, giusto per dimostrare che è empatico e non algido…

 

NON SOTTOVALUTIAMO LE MOLTITUDINI GRILLINE

L’altro, nel frattempo, riempie le piazze a forza di urla, invettive e proposte tanto suggestive quanto irrealistiche: settemila a Padova, cinque-seimila a Marghera; e sarà pure vero il detto “piazza piena urne vuote”, ma siamo giusto reduci dal caso Sicilia in cui il comico prima ha riempito le piazze, e poi le urne, sorprendendo il sistema mediatico, ormai perennemente distratto dal politichese (chi si allea con chi) e dal cazzeggio. E se facesse il bis alle elezioni?

Per carità, impressiona quell’italiano su 4 (o quasi uno su tre, aggiungendoci i leghisti) che nonostante tutto è ancora pronto a sposare Berlusconi; ma questi, appunto, sono… irrecuperabili. Trovo che siano più preoccupanti per la sinistra, però, quelle migliaia di persone (spesso suoi ex militanti) che affollano le piazze grilline, in preda alla delusione, alla rabbia e alla voglia di rivalsa. Bisognerebbe riuscire a parlare a quelli, che sono incazzati col mondo, non ne vogliono più sentir parlare di sacrifici e di compatibilità europee, e non hanno neppure la speranza di vedersi restituire l’Imu, come i berlusconiani, visto che spesso la casa di proprietà nemmeno ce l’hanno. Ammesso che siano ancora disposti a stare a sentire…

MONTI E GRILLO, IL CAZZEGGIO MEDIATICO E LA RABBIA DI PIAZZAultima modifica: 2013-02-07T17:37:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a MONTI E GRILLO, IL CAZZEGGIO MEDIATICO E LA RABBIA DI PIAZZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *