SE AVESSIMO UN TELEFONO CHE CHIAMA NEL PASSATO…

Veltroni, la scoperta dell'alba, NicchiarelliUn vecchio telefono che chiama nel passato, e dall’altro capo del filo te stesso trent’anni prima: è la trovata su cui è basato il libro di Walter Veltroni “La scoperta dell’alba”, da cui Susanna Nicchiarelli (“Cosmonauta”) ha tratto l’omonimo film con Margherita Buy, nelle sale in questo periodo.

Nel libro e nel film il passato che ritorna è quello degli anni di piombo, del terrorismo con le sue vittime ma anche i suoi complici, nei posti e tra le persone più insospettabili.

 

Ma ciò che mi ha più intrigato è la questione di quella famosa telefonata, ovvero il rimorso e/o il rimpianto che ci stanno dietro: nel caso della protagonista un padre scomparso da trent’anni, non si sa se per fuga o rapimento.

E così mi sono chiesto (e vi chiedo) a chi farei io quella telefonata, cosa direi a una certa persona, in ultima istanza quale remota decisione cambierei, se potessi, per cambiare la mia vita. E ci sto ancora pensando…

SE AVESSIMO UN TELEFONO CHE CHIAMA NEL PASSATO…ultima modifica: 2013-01-18T10:55:48+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cinema e tv e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a SE AVESSIMO UN TELEFONO CHE CHIAMA NEL PASSATO…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *