SANTORO E TRAVAGLIO, LE RAGIONI DEL FLOP (MILIONARIO) CON BERLUSCONI

SantoroBerlu.jpgLa delusione era palpabile fra i tanti avversari del Cavaliere, ieri sera sui social network e stamattina sui giornali: come quando i propri campioni sbagliano il match della vita. Ma perchè Santoro e Travaglio si sono rivelati così poco incisivi con Berlusconi? E si poteva davvero fare di più per metterlo in difficoltà?

Qualcuno ha evocato, spiritosamente, la defaillance erotica dell’innamorato che dopo decenni si ritrova finalmente a letto con la fiamma della propria giovinezza, e viene sopraffatto dall’emozione, o forse dalla constatazione di quanto lei sia nel frattempo sfiorita. Può essere, ma Berlusconi ieri sera è apparso tutt’altro che “sfiorito”, semmai sono stati i suoi due avversari a dimostrarsi un po’ spompati.

Ma i motivi del flop, andato in onda, oltretutto, di fronte a una platea record di 9 milioni di spettatori?

 LA SOTTOVALUTAZIONE DI UN AVVERSARIO FORTISSIMO SUL TERRENO TELEVISIVO

Prima di tutto c’è stata da parte dei due giornalisti Travaglio.jpguna sottovalutazione dell’avversario, che è tutt’altro che bollito, e soprattutto rimane l’animale televisivo più straordinario che abbia calcato negli ultimi decenni la scena politica, e naturalmente il più politico fra gli imbonitori da palcoscenico. Avendo accettato il terreno in cui lui eccelle, il cabaret applicato alla politica, Santoro e Travaglio si sono rivelati irrimediabilmente meno versati di lui. Forse solo Grillo, solo Benigni, avrebbero saputo fare di meglio. Oppure i due giornalisti avrebbero dovuto indossare i panni severi dei censori, senza consentirgli di scivolare sul terreno dello show e della battuta, che rende tutti inevitabilmente complici. Il risultato è che a un certo punto, persino nei momenti della accuse più dure al Cavaliere, è sembrato che anche Travaglio stessa recitando una parte in commedia.

UN ECCESSO DI VICINANZA CON L'”OGGETTO” CHE HA IMPEDITO DI COGLIERNE I CONTORNI

Ma c’è un altro aspetto che a mio parere va tenuto presente: dopo anni di corpo a corpo col Cavaliere i due hanno smarrito la misura, quella giusta distanza nei confronti del loro oggetto d’indagine che si raccomanda nella professione giornalistica: avvicinandosi troppo a lui hanno finito per concentrarsi sui particolari, sui singoli episodi o settori tematici, dove Berlusconi ha avuto buon gioco nel replicare anche fortunosamente alle accuse, e non sono riusciti a rendere il senso complessivo della sua disastrosa avventura politica, e a chiedergli conto dei risultati deludenti (escluso per lui stesso) dei suoi vent’anni di potere. Solo il collega che ha mostrato come le sue aziende si siano enormemente arricchite mentre tutti noi ci impoverivamo, ci è andato vicino.

A scusante di Santoro va detto che affrontare il discorso da questa angolatura avrebbe significato prendere di petto gran parte della società italiana, che in questi anni si è via via affidata al Cavaliere ritenendolo il miglior interprete dei propri vizi e dei propri interessi: ma per fare questo non ci vogliono, credo, dei giornalisti, ma dei grandi scrittori…

SANTORO E TRAVAGLIO, LE RAGIONI DEL FLOP (MILIONARIO) CON BERLUSCONIultima modifica: 2013-01-11T15:34:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Informazione, politica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *