GRILLO, L’EX PACIFISTA CHE HA DIMENTICATO LA LEZIONE GANDHIANA SUI FINI E I MEZZI

GrilloGesù.jpg Grillocattivo.jpg

Con metodi antidemocratici si può contribuire a migliorare la democrazia? Io ne dubito, sarebbe come chiedere a Erode di occuparsi dei problemi dell’infanzia: risolti alla radice…

La domanda si pone per le ultime intemperanze di Beppe Grillo, che sostanzialmente ha detto ai suoi simpatizzanti, come il Marchese a cui lo accomuna il nome, “io so’ io e voi non siete un cazzo”. Non si accettano critiche, ma neppure domande, come quando vigeva il motto “Tacere, obbedire, combattere”. Se per caso prendesse il potere manderebbe “fuori dai coglioni” tutti quelli che lo criticano, “perchè siamo in guerra”?

Chi ha un passato pacifista, come me, non può dimenticare l’antica lezione dei maestri (Gandhi, Capitini) secondo cui “il mezzo sta al fine come il seme sta all’albero”: per dire che da metodi anti-democratici non possono venire buone cose per la democrazia. E ci sarebbe molto da dire anche sulle metafore guerresche e il linguaggio violento, singolare per uno che qualche anno fa impersonava la figura di Gesù al cinema.

Sull’approccio di Grillo alla politica trovo interessante questo articolo di Beppe Caldarola su Linkiesta, anche se è carente sull’analisi dei contenuti del movimento: che non si possono liquidare come il solito “populismo all’italiana”. Nella dimensione locale, ad esempio, si tratta di contenuti assolutamente dignitosi, che hanno tra l’altro il merito di stimolare gli altri partiti (in particolare il Pd) a confrontarsi con più decisione con i temi del rinnovamento e della moralizzazione della politica; essi rivelano invece vistosamente la loro inadeguatezza quando si scontrano con i temi della politica estera, della globalizzazione e dell’internazionalizzazione economico-finanziaria, laddove si devono trovare equilibri fra istanze estremamente variegate e complesse.

Detto questo, spero che il movimento ce la faccia a raccogliere le firme per partecipare alle elezioni, e personalmente sono pronto ad andare a firmare (ho detto firmare, non votare)

grillo-lenin

GRILLO, L’EX PACIFISTA CHE HA DIMENTICATO LA LEZIONE GANDHIANA SUI FINI E I MEZZIultima modifica: 2012-12-13T11:41:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *