IL NUOVO JAMES BOND, METAFORA DELLA POLITICA ITALIANA

007,james bond,politica,sinistra,craig,bersani,bardem,renzi,berlusconiStupisce che nessuno dei recensori dell’ultimo 007 – Skyfall – abbia rilevato che si tratta di una palese metafora della politica italiana, in particolare delle vicende del centro-sinistra.

Il tema portante della pellicola è infatti la rottamazione. Partiamo dalla testa, per cominciare, che è quella spelacchiata di Craig ma potrebbe benissimo essere quella lucida di Bersani: per buona parte del film appare un po’ male in arnese, non coglie un colpo e in compenso ne piglia da tutte le parti, ha perennemente il fiatone e sono tutti lì a dirgli “ci porterai allo sfascio”, “dai, ritirati”, “siediti a una scrivania” (cioè “fai il padre nobile del partito”). Al momento buono, però, viene bene come “usato sicuro”…

Va peggio al suo capo, che è una donna (Judy Dench) ma si chiama – indovinate un po’! – M. Ebbene, lei è proprio agli sgoccioli, dopo una carriera prestigiosa non ne azzecca più una, sta per finire il suo mandato e sono tutti pronti a pensionarla con tutti gli onori: ricorda qualcuno? Anche lei si sacrificherà per salvare il Paese…

E veniamo ai rottamatori: e qui le cose si complicano, a seconda dei punti di vista: c’è nel film il nuovo Q (il fornitore dei mitici accessori di 007) che è un ragazzino coi brufoli (Ben Whishaw invece dello storico Desmond Llewelyn) carrierista dalle idee chiare ma dalle azioni confuse; anche se forse la parte di Renzi tocca di diritto allo splendido cattivo di turno, Javier Bardem, che è un agente a cui le regole del corpo stavano troppo strette, ed è finito in rotta di collisione con gli ex colleghi.

Come dite, che manca il centro-destra, in questa storia? Ma perché, c’è ancora? Comunque, se preferite, con la sua capigliatura rifatta, le sue battutine e una dentiera mai vista, Bardem potrebbe essere anche un credibilissimo Silvio Berlusconi. Come lui ritorna dal passato…

IL NUOVO JAMES BOND, METAFORA DELLA POLITICA ITALIANAultima modifica: 2012-11-09T16:23:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cinema e tv, politica, Satira e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *