IL DEFAULT SICILIANO E LE COLPE DI ALDO (E GIOVANNI E GIACOMO) Ma guardate intanto cos’hanno combinato in Assemblea regionale…

sicilia,aldo,giacomu,defaultSul possibile default della Sicilia, sulla Stampa è andato in onda un divertente siparietto di Aldo e Giacomo (senza Giovanni). Al primo che lo accusava di essere fra i colpevoli del dissesto economico, a causa del diffuso nepotismo, il siciliano Aldo replica che sull’isola sono tutti parenti.
“Quando un siciliano va all’estero – racconta il comico – e incontra un suo paesano, gli dice: «Ma tu sei siciliano?», e se la risposta è affermativa, quasi sempre ci si prende un momento per produrre quella lacrima di nostalgia.
«Di dove?»
«Di Calabiscetta».
«Conosci Mariuccia?»
«Sono il figlio!»
«Che combinazione, io sono il marito…»”

Purtroppo, parlando di Sicilia, ridiamo per non piangere: guardate cos’ha deciso oggi l’Assemblea Regionale a proposito delle nomine degli indagati

NOMINE DI INDAGATI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE,

L’ASSEMBLEA REGIONALE BOCCIA LA NORMA CHE LE VIETA


(ANSA) – PALERMO, 20 LUG – Con 39 voti contrari e 32 a
favore, l’Assemblea regionale Siciliana ha bocciato una norma
che avrebbe introdotto il divieto per sindaci, presidenti di
Provincia e del presidente della Regione di effettuare nomine o
assegnano incarichi di consulenze nella pubblica
amministrazione, in enti e società partecipate a soggetti
sottoposti a rinvio a giudizio o che hanno subito condanne per
mafia, corruzione o associazione a delinquere.
La votazione è avvenuta a scrutinio segreto, su richiesta
del capogruppo del Pid Rudy Maira e appoggiata dal Pdl,
suscitando forti critiche da parte del Pd che chiedeva il voto
nominale.
IL DEFAULT SICILIANO E LE COLPE DI ALDO (E GIOVANNI E GIACOMO) Ma guardate intanto cos’hanno combinato in Assemblea regionale…ultima modifica: 2012-07-20T17:32:57+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica, Satira e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *