DIVERSE ITALIE, TRA UNA PARTITA E UNA “GUERRA”

Europei, Balotelli, Germania, Italia, partita, immigrati, Monti, Merkel, festeggiamentiAffascina e impressiona il grande silenzio che si distende sul paese desertificato, durante la partita. In questi momenti, mi dico, potrebbe accadere di tutto; potrebbero portarci via i monumenti, le banche, persino le… mogli, e neanche ce ne accorgeremmo. In realtà penso che questi siano momenti propizi soprattutto per le tresche clandestine: sacrifici di poveri amanti…

 

In treno, in mezzo a molti stranieri, sento la telecronaca, e da buon dinosauro mi dico: “Toh, c’è qualcuno con la radiolina!” Nossignore, sono due ragazze cinesi con l’Ipad, che se la stanno guardando ed esultano per le azioni degli azzurri. Mi aggrego, e con me anche un paio di ragazzi di colore nel sedile vicino. Un bianco, forse americano, ci chiede invece se è Italia-Spagna: ma per favore! Adeguatevi anche nello sport, ora che avete l’assistenza sanitaria pure voi!

 

DIETRO BALOTELLI LA GIOIA RABBIOSA DEGLI IMMIGRATI

Il microcosmo ferroviario delle diverse Italie si scioglie al fischio finale, mentre il treno entra in stazione; fuori ci aspetta un concerto di clacson e di urla di esultanza. Ma quando passo in mezzo ad un folto gruppo di immigrati, avverto rabbia, in fondo alla loro gioia: mi gridano “Balotelli, Balotelli” mentre passo, ma non perché mi abbiano scambiato per il campione… Il geniale, irritante, rabbioso Balotelli è il simbolo del loro riscatto, contro un paese che ha bisogno di lui, come ha bisogno di loro, ma non vuole riconoscerlo.

FESTEGGIANO SOLO LE AUTO E LE MOTO

Europei, Balotelli, Germania, Italia, partita, immigrati, Monti, Merkel, festeggiamentiLe strade sono percorse da auto e moto ad alta velocità, con clacson strombazzanti, urla, bandiere tricolori: ci sta, naturalmente. Ma fra la gente nelle piazze sembra invece una serata normale: gelati, bibite, chiacchiere, ma nessuna esultanza. Ricordo in precedenti occasioni (ma forse erano finali) gruppi di ragazzi scatenati, che cantavano e facevano il bagno nelle fontane. Ora invece riusciamo a sboccarci solo dietro la corazza protettiva di un mezzo meccanico in movimento, è come se nel confronto diretto e prolungato fossimo bloccati dalla timidezza.

OGGI IL MATCH DECISIVO, SERVE UN CENTRAVANTI DI SFONDAMENTO

E oggi c’è il match più decisivo: non oso pensare a quanta festa faremo se Monti riuscirà a battere la Merkel e a portare a casa un risultato positivo per il paese e per l’Europa. Altro che bagni nelle fontane! Scherzo, naturalmente. Soprattutto non oso pensare a cosa accadrà se questa partita finisse male: ma c’è da dire che a mia memoria è la prima volta che un premier italiano si presenta sulla scena europea con tanta autorevolezza, puntando i piedi con tanta decisione, fin quasi a “intimidire” gli avversari. La squadra dietro sarà quella che è, ma il centravanti è un fuoriclasse, e l’anziano allenatore pure (a proposito: auguri presidente!).

Non avevo dubbi che l’uomo fosse così, spero che sappia quello che fa; finora (a parte la penosa parentesi dei cucù e delle corna nelle foto ufficiali) eravamo abituati allo stile De Gasperi (“in questo consesso mondiale sento che tutto, tranne la vostra personale cortesia, è contro di me”): allora era un dopoguerra, oggi invece siamo in pieno conflitto, almeno non sanguinoso, per il momento…

DIVERSE ITALIE, TRA UNA PARTITA E UNA “GUERRA”ultima modifica: 2012-06-29T11:27:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in costume, economia, Esteri, società, sport e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *