COME GLI SMARTPHONE CAMBIANO LA NATURA STESSA DELL’UOMO

telefoni,smartphone,modificazioni,cellulari,rivoluzioneMa sappiamo davvero che cos’è un telefonino “evoluto”, un cosiddetto “smartphone”, e quali effetti può produrre sulla nostra vita?

La piccola disavventura che mi è capitata a Roma (lo so che è piccola, rispetto a quello che accade intorno, ma lo stesso il disagio che mi crea è notevole) e la discussione sul mio post di ieri mi hanno fatto comprendere la vera e propria rivoluzione che si sta realizzando attorno a noi a partire dal rapporto con le tecnologie, che continuiamo – erroneamente a mio avviso – a considerare dei meri strumenti al nostro servizio.

UN MONDO MODIFICATO DALLA TELEVISIONE

Già qualche anno fa Gianluca Nicoletti telefoni,smartphone,modificazioni,cellulari,rivoluzioneragionava sui cambiamenti epocali provocati dalle macchine, in primis la televisione: un media che induce alcune centinaia di “protagonisti” a truccarsi, vestirsi, stirarsi, operarsi (la chirurgia plastica) per restare sulla scena, e milioni di persone normali, soprattutto giovani, ad addobbarsi e atteggiarsi in maniera innaturale per assomigliare a loro: fateci caso, quanti cloni dei “grandi fratellini” si vedono in giro per supermercati e discoteche? Non solo: gli studi del sociologo americano Robert Putnan hanno evidenziato con quanta pervasività la tv abbia inciso, fin dagli anni ’50, sulle consuetudini delle masse americane, telefoni,smartphone,modificazioni,cellulari,rivoluzioneprima, e mondiali poi, promuovendo l’emergere impetuoso del narcisismo di massa che sta devastando le relazioni sociali (come ha fatto? Beh, milioni di individui hanno ridotto drasticamente la loro partecipazione alla vita sociale per chiudersi in casa davanti al piccolo schermo).

IL TELEFONINO E’ UNA PROTESI DI CUI NON POSSIAMO PIU’ FARE A MENO

A pensarci mi pare però che il cellulare ci stia cambiando ancora di più, intervenendo sulla nostra stessa natura di individui. Che cos’è infatti, per davvero, un telefonino? Ieri ho citato le decine e decine di funzioni che esso è in grado di esercitare, ma se analizziamo la cosa un po’ più in profondità scopriamo che esso tende sempre di più a diventare una protesi, della cui importanza ci accorgiamo solo quando (come capita a me in questi giorni) ne rimaniamo privi.

SIAMO UOMINI DAI SENSI POTENZIATI…

L’uomo col telefonino è come se avesse potenziato i propri sensi, se non addirittura sviluppato di nuovi, artificiali. Non solo egli è in grado di ascoltare le voci da più lontano (come con un normale telefono fisso), o di fissare ogni suo momento e ogni sua emozione nell’istante stesso in cui si manifestano (foto, video, note vocali, chat), ma soprattutto può accedere a servizi e informazioni che finora non erano disponibili (tramite le applicazioni per la realtà aumentata, mappe geolocalizzate di bancomat, distributori, ristoranti o quant’altro), può avere risposta immediata a qualsiasi domanda gli venga in mente (tramite collegamento internet), trovare rapidamente informazioni su chi gli sta di fronte, e “percepire” (di nuovo tramite le applicazioni dei social network) se nella vicinanze si sono dei suoi “amici”, controllare e farsi controllare: in sostanza egli è in grado di recepire e metabolizzare una quantità di stimoli infinitamente superiori a quelli che raggiungevano fino a ieri le persone normali, e questo fenomeno sarà sempre più esteso nel prossimo futuro, quando a “parlarci” non saranno solo i monumenti artistici o i servizi, ma gli stessi oggetti, a partire dagli elettrodomestici.

Perchè lo facciamo? Perchè è comodo e piacevole, suppongo.

… MA DAI SENTIMENTI RATTRAPPITI

Contestualmente a questa immersione nella realtà virtuale, però, l’homo telefonicus trasferisce al cellulare fette della sua memoria e della sua esperienza, trovandosi poi totalmente inerte di fronte alla sparizione dell’aggeggio. Da un lato, quindi, l’uomo moderno è virtualmente “aumentato”, dall’altro è in parte “indebolito”.

Come sa chi visita questo blog, io da qualche tempo ho cominciato ad occuparmi di queste nuove tecnologie, perchè ne vedo le enormi potenzialità. Ma al tempo stesso non smetto di registrare i rischi di questa massiccia diffusione di tecnologia (anche se poi sono il primo a cascarci): non vorrei che dopo aver imparato ad apprezzare la geo-localizzazione del cellulare, smettiamo di guardare le stelle, che dopo aver chattato e socializzato su Facebook, non abbiamo più tempo per parlare a tu per tu con le persone.

C’è chi sostiene addirittura che nel passato l’uomo avesse delle facoltà telepatiche e preveggenti: se oggi le ha completamente perdute è perchè a suo tempo non le ha adeguatamente coltivate.

COME GLI SMARTPHONE CAMBIANO LA NATURA STESSA DELL’UOMOultima modifica: 2012-06-01T17:14:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in costume, società, tecnologia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a COME GLI SMARTPHONE CAMBIANO LA NATURA STESSA DELL’UOMO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *