QUELLO CHE NON HO… NON HO VISTO FAZIO-SAVIANO, MA ME NE FARO’ UNA RAGIONE

Fazio, Saviano, La 7, Quello che non hoNon ho visto – ma non me ne dispiace poi tanto – il programma di Fazio-Saviano ieri sera su La 7. E quel che ho visto l’ho trovato più soporifero che suggestivo.

Parto da un assunto di fondo: non sono più i tempi di “Vieni via con me”. Allora era il momento del Berlusconismo trionfante, che imperava e asfissiava, inquinava ed escludeva. Fare una trasmissione così, in quel momento, appariva eroico, come opporre un “preferirei di no” alle lusinghe del potere ed esporsi alle sue rappresaglie.

ASCOLTI RECORD, MA UN’IMPRESSIONE DI DEJA’ VU

Oggi tutto è cambiato, ma mi pare che il duo Fazio-Saviano (e anche la simpatica Luciana Littizzetto) continui come prima, come se niente fosse: con gli stessi obbiettivi polemici, gli stessi interlocutori, gli stessi richiami all’impegno civile. Oggi ho visto che hanno fatto un boom di ascolti (4milioni e 156mila telespettatori, ma durante l’intermezzo della Littizzetto, con uno share del 18.45% in chiusura di puntata). Pare che nel pezzo che non ho visto i due conduttori abbiano il meglio di sè, e in ogni caso promuovere un’ecologia delle parole, e farlo con personaggi credibili e impegnati, è meritevole.

Ma l’impressione di fondo – che è qualcosa meno di un giudizio ma più  di una sensazione – rimane, senza con questo voler sposare le critiche sgangherate che hanno scaricato addosso a Saviano il Foglio e la destra: c’è qualcosa di… antico nell’aria, di non aggiornato. Qualcosa di consonante con l’attuale potere, invece che dissonante come in “Vieni via con me”; e dunque di meno pungente, e di più prevedibile.

Un po’ mi ci riconosco, a dire la verità: è come se mi guardassi allo specchio, e mi dicessi: “E’ ora di  tagliarsi la barba e di cambiare pettinatura”. Anche se poi, per pigrizia, continuo a tenere la riga al suo posto e il mento coperto.

QUELLO CHE NON HO… NON HO VISTO FAZIO-SAVIANO, MA ME NE FARO’ UNA RAGIONEultima modifica: 2012-05-15T03:25:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cinema e tv, Informazione, società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *