CESARE ROMITI SPUTTANA MONTEZEMOLO, MA DIMENTICA LE PROPRIE RESPONSABILITA’

RomitiMontezemolo.jpegA volte ritornano. Cesare Romiti, ad esempio. A 89 anni torna a far parlare di sé per un libro intervista di Paolo Madron “Storia segreta del capitalismo italiano” (Ed. Longanesi) in cui rivela molti retroscena e scopre molti altarini dei protagonisti della storia recente del nostro paese, elenca complicità e inimicizie, fa capire molto di quello che è accaduto nei palazzi del potere. Nei giorni scorsi da Fazio (ma già aveva anticipato qualcosa da Minoli) ha sferrato alcuni colpi micidiali contro Luca Cordero di Montezemolo, ricordando che lui e Agnelli lo costrinsero a lasciare la Fiat dopo che si scoprì che approfittando dei suoi rapporti di amicizia con l’Avvocato ne “vendeva” gli appuntamenti a chi voleva incontrarsi con lui.

Dal libro emergono la devozione per Cuccia, il feroce scontro con De Benedetti, i maneggi degli azionisti intorno al Corriere, le guerre dentro la famiglia Agnelli, le battaglie sulle e per le banche, la disistima di Bettino Craxi per Berlusconi e per lo stesso Montezemolo, considerati entrambi dal leader socialista dei bugiardi. E molto altro…

 

AGNELLI E ROMITI, QUANDO SI SACRIFICANO AL POTERE FIGLI E MOGLI

La cosa più significativa, di cui nessun recensore si è accorto, è il silenzio assoluto su Marchionne, da cui peraltro in passato Romiti ha preso a varie riprese le distanze.

Ma c’è invece un altro aspetto che ha colpito me, ed è quello personale, che rivela molte cose della sostanza umana di questi personaggi che hanno avuto a lungo in mano il paese e di cui a volte si parla con ammirazione e rimpianto. Prendiamo il suicidio di Edoardo Agnelli, Agnelli.jpegfiglio infelice e ribelle dell’Avvocato. Dopo aver raccontato che Agnelli e la moglie erano stati genitori assenti e lontani, che i figli ne avevano sofferto e che Edoardo aveva spesso discussioni col padre, Romiti afferma: “Quando morì, CREDO che suo padre abbia provato dolore, INSIEME A UN UMANO SENSO DI LIBERAZIONE”. Liberazione per la morte del figlio, avete letto bene!

In un altro punto Madron interroga Romiti sui suoi molti amori, vissuti pubblicamente nonostante egli fosse regolarmente sposato, con una donna che ha sempre vissuto nell’ombra. Romiti ammette tranquillamente; e sua moglie? chiede il giornalista. “Malgrado fossi consapevole di comportarmi in modo tale da arrecarle dolore, lei era il mio punto di riferimento. Sapevo che qualunque cosa io avessi fatto, lei sarebbe rimasta e questo per me era motivo di grande forza”. Naturalmente spiega poi che lei era l’unica di cui si fidava, che non l’avrebbe mai abbandonata, che la sua morte è stato il più grande dolore della sua vita eccetera eccetera.

Che dire? Ricordate quel detto secondo cui dietro ogni grande uomo c’è una grande donna? Sarà. Di sicuro DIETRO c’è una donna sottomessa, e DAVANTI – spesso – una squinzia di trent’anni più giovane…

DE BORTOLI: “ANCHE LORO SONO CORRESPONSABILI DEI NOSTRI GUAI ODIERNI”

Vale anche la pena, per comprendere a fondo il senso di quegli anni e pesare adeguatamente i meriti e le responsabilità di quella generazione di imprenditori, manager e politici che arrivarono al vertice del potere negli anni ’60 e ‘70 (e che oggi vengono spesso mitizzati), riportare ciò che scrive nella prefazione Ferruccio De Bortoli, direttore del Corriere e già vicino a Romiti, non certo un rivoluzionario: “Romiti sbaglia, nella ricostruzione di quegli anni, quando non attribuisce alla comunità d’affari, di cui lui faceva parte, la responsabilità della grave degenerazione  nel rapporto fra grande impresa e politica. La prima preferì venire a patti con i partiti, chiedendo più protezioni e aiuti che regole, più concessioni che mercato. Favorì, anziché contrastare, l’espansione della spesa pubblica e del debito. Non fu complice, ma nemmeno avversaria… Molti dei problemi attuali del nostro Paese sono eredità delle scelte non fatte in quegli anni”.

CESARE ROMITI SPUTTANA MONTEZEMOLO, MA DIMENTICA LE PROPRIE RESPONSABILITA’ultima modifica: 2012-04-30T02:32:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in economia, politica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a CESARE ROMITI SPUTTANA MONTEZEMOLO, MA DIMENTICA LE PROPRIE RESPONSABILITA’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *