RIGONI STERN: IL PREMIO REGALA UN GRANDE AUTORE – L’ITALO-SLOVENO ALOJZ REBULA – ALLA LETTERATURA NAZIONALE

Il Premio Mario Rigoni Stern RigonisternPremio.jpgper la letteratura multilingue delle Alpi – la cui seconda edizione dopo quella di Asiago dello scorso anno si è svolta ieri sera a Riva del Garda – consegna alla letteratura nazionale un grande scrittore, finora del tutto sconosciuto, anche se ha all’attivo una quarantina di romanzi, saggi e svariate traduzioni. Ha ben 88 anni, è italiano e vive a Trieste, ma come testimonia il suo nome – Alojz Rebula – Rebula.jpg ha il “torto” di appartenere a una minoranza, quella slovena, e in quanto tale non sembra avere diritto di cittadinanza nelle patrie lettere. Ma per gli sloveni è più importante (più articolato nei temi, più complesso nell’argomentazione e più sottile negli approfondimenti psicologici) dello stesso Boris Pahor, che ha conosciuto negli ultimi anni una sorprendete rivalutazione grazie ad alcuni fortunati passaggi televisivi, in primis da Fabio Fazio.

 

IN LOTTA CONTRO I TRE TOTALITARISMI DEL ‘900

Il libro per il quale Rebula ha ricevuto il Premio dedicato allo scrittore asiaghese si intitola “Notturno sull’Isonzo”, è stato scritto nel 2004 ma è comparso solo pochi mesi fa nelle libreria italiane per iniziativa delle Edizioni Paoline. Come in molte opere di questo scrittore coltissimo e religiosissimo, senza essere un erudito o un bigotto, il protagonista è un sacerdote che vive sulla sua pelle tutti i totalitarismi del secolo scorso: ispirato alla figura reale di don Filip Tercelj, Florian Burnik a causa dell’intransigente difesa della sua fede e della sua identità slovena viene prima perseguitato dai fascisti e poi mandato al confino, quindi rinchiuso in un campo di concentramento, e infine, dopo la guerra, assassinato dal regime comunista che si è instaurato in Jugoslavia, perché si rifiuta di venire a patto coi nuovi padroni. Nella sua figura si sintetizza il dramma di molti sloveni, cattolici e non solo, ai quali la storia negò a lungo uno spazio di libertà tra l’antifascismo (di cui furono spesso ferventi animatori) e l’anticomunismo, che li vide intimamente lacerati, come comunità e spesso anche come singoli individui.

IL RUOLO DEL PREMIO: RIDARE CENTRALITA’ ALLE CULTURE DI CONFINE

Resta da dire qualcosa sul Premio Rigoni Stern, che con questa premiazione, dopo quella dello scorso anno al saggista valdostano Alexis Betemps , sta dimostrando di aver ben individuato la sua vocazione, in linea con la dedizione a sentimenti di “compaesanità condivisa” a cui il Sergente altopianese è sempre stato fedele: essere vetrina di quella ricchissima cultura di confine che fa dell’arco alpino più che una barriera, una cerniera fra popoli, lingue, sensibilità diverse, serbatoio di quelle differenze che l’omologazione culturale trionfante fatica a sopportare, ma che sono l’antidoto più forte all’impoverimento di temi e di valori che angustia la nostra civiltà. E anche l’antidoto “al ritorno di quei nazionalismi – dice Rebula – di cui avverto rigurgiti in questa Europa, che non ha ancora metabolizzato quell’evento provvidenziale che è la sua unificazione e la pacificazione”.

MA IL VENETO RISCHIA DI LASCIARE RIGONI STERN AI TRENTINI

Riva del Garda, che con le sue istituzioni, le sue associazioni (in primis Ars Venandi) e i suoi sponsor economici ha reso possibile questa iniziativa (in collaborazione col Comune di Asiago e con la Regione Veneto), ha confezionato per l’occasione non una semplice premiazione, ma un evento ambizioso, che ha visto una lettura scenica di alcuni brani scelti di Rigoni Stern (con belle immagini e musiche), la proiezione di un video di testimonianze su di lui (regia di  Margherita Detomas),  una presenza massiccia di autorità locali (persino il vescovo!), una lectio magistralis del professor Pier Paolo Viazzo dell’università di Torino su “Chimere e realtà dell’arco alpino tra scienze sociali e poesia”, e un dialogo fra Alojz Rebula ed Eraldo Affinati (che è il curatore del Meridiano su Rigoni Stern), inframezzato a letture dai suoi testi.

Resta da rilevare, purtroppo, lo squilibrio tra la forte presenza istituzionale e popolare dei trentini, e la striminzita presenza dei veneti, limitata per la parte pubblica al sindaco di Asiago Andrea Gios. Non si vorrebbe che, di questo  passo, Rigoni Stern finisse per essere assimilato davvero alla cultura trentina, come in un intervento della Presidenza della Repubblica nel passato è già avvenuto.

RIGONI STERN: IL PREMIO REGALA UN GRANDE AUTORE – L’ITALO-SLOVENO ALOJZ REBULA – ALLA LETTERATURA NAZIONALEultima modifica: 2012-04-01T17:56:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cultura e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *