MA SI PUÒ LITIGARE SU SANREMO? SONO SOLO CANZONETTE!

Emma.jpegSolo noi italiani, credo, riusciamo a fare di una “baracconata” come Sanremo un caso nazionale, a dividerci, a litigarci su, a dedicarci non solo chiacchiere da bar, ma pagine e pagine sui giornali, ore e ore di televisione, e persino dibattiti politici.

 Se ne accenno ora che è finito, interrompendo il “voto del silenzio” che mi ero imposto finora, è per ricordare una banalissima verità, ma che in pochi in queste ore sembrano tenere a mente: sono solo canzonette! Possono riflettere più o meno bene i nostri umori del momento, come l’anno scorso Roberto Vecchioni, che anticipò in qualche modo la fine della stagione berlusconiana, come quest’anno Emma, che interpreta le ricadute della crisi economica.

Ma sono appunto canzonette, o al massimo una manifestazione del costume nazionale, e come tali vanno trattate: cantatele sotto il bar, se ve ne ricordate qualcuna, fischiettatele pedalando in bicicletta, ma non fatene un caso; vale anche per la farfallina di Belen, per il nude look di Ivana Mrazova, Ivana.jpegper i predicozzi di Celentano2.jpegCelentano.

Il mondo dello spettacolo è lì per farci divertire, ricorrendo alla fantasia, alle esagerazioni, al kitch, al comico, in qualche caso fortunato alle emozioni. Può funzionare o meno, e le milionate di telespettatori che se lo sono sorbite, magari sonnecchiando sul divano, mostrano che se era quello il target, è stato raggiunto. Ma impegnarsi in un’esegesi del vacuo e contorto Celentano-pensiero, discutere se Emma ha davvero fatto uno sgarbo a Kekko dei Modà non rispondendo al suo sms (l’ultimo tormentone), persino dedicare un post a tutto questo, mi sembra dvvero fatica sprecata. Ma orai l’ho fatta…

MA SI PUÒ LITIGARE SU SANREMO? SONO SOLO CANZONETTE!ultima modifica: 2012-02-20T02:36:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in costume, musica, società e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *