I CASI LUSI E BRENTAN E I RISVOLTI POLITICI DELLE RUBERIE

Lusi.jpegMa si può fare politica conservandosi Brentan.jpegle mani pulite? Io sono convinto di si, ma non c’è dubbio che il potere, più che logorare, corrompa; e il caso Lusi e il caso Brentan – indipendentemente dalle responsabilità precise che saranno individuate dalla magistratura – dimostrano che persino i boy scout e gli ex operai comunisti possono essere tentati dalle sue seduzioni  e risucchiati nel gorgo del malaffare.

 

Ci sono però tre aspetti più generali, fatti emergere da queste vicende, che denunciano una patologia a monte, che tale sarebbe rimasta (magari sottotraccia) anche se i due politici in questione non si fossero intascati i soldi dei rimborsi elettorali o non avessero preso tangenti.

 

I “TESORETTI” DEI PARTITI E I SOLDI NON SPESI

Il primo aspetto riguarda i finanziamenti pubblici della politica: il fatto che ogni partito abbia da parte un tesoretto più o meno consistente che finisce in Tanzania, oppure in mani rapaci, invece che essere indirizzato ai fini che sarebbero propri, dimostra (interpreto Giorgio Roverato) che  da tempo immemorabile le forze politiche e i loro legali rappresentanti spendono meno di quello che dicono; e a differenza di tutti gli altri settori della vita pubblica, per loro – nonostante un referendum abrogativo – i contributi continuano ad arrivare (anche dopo la sparizione “ufficiale” delle sigle).

MARGHERITA – DS, MATRIMONIO SENZA AMORE

Ma veniamo proprio alle sigle politiche, che sono l’altro corno del problema: lo si sospettava, ma ora se ne ha la certezza, che Margherita e Ds hanno fatto un matrimonio d’interesse più che d’amore, e che invece di fondersi in un unicuum, come era lecito aspettarsi, hanno scelto la separazione dei beni, ma anche… dei cuori. Ora, come si può pretendere che a credere nella scommessa del Partito Democratico siano i cittadini, i simpatizzanti, i militanti (e gli avversari), se i primi a non crederci e a tenere separate le rispettive sostanze sono proprio i massimi dirigenti del partito?

AUTOSTRADA: 23 CHILOMETRI, 15 AMMINISTRATORI

E veniamo all’ultima patologia, quella che riguarda la questione autostradale: è mai possibile che – al netto della vicenda Brentan – ci siamo per un’autostrada lunga 23 chilometri    come la Venezia-Padova (e aggiungiamoci pure 9 di tangenziale) qualcosa come 15 consiglieri di amministrazione: UNO OGNI DUE CHILOMETRI, con appannaggi complessivi di oltre 300 mila euro all’anno? Non è anche questa, a suo modo, una ruberia, a cui nessuno ha trovato il modo, negli anni, di porre rimedio?

Si parla tanto, giustamente, di ridurre i compensi e i vitalizi  ai parlamentari (a proposito, 15 leghisti guidano la pattuglia dei 26 valorosi che hanno fatto ricorso per tenersi stretto il malloppo), ma gli sprechi non sono solo in Parlamento.

I CASI LUSI E BRENTAN E I RISVOLTI POLITICI DELLE RUBERIEultima modifica: 2012-02-03T13:21:44+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica, società e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a I CASI LUSI E BRENTAN E I RISVOLTI POLITICI DELLE RUBERIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *