PDL E LEGA LITIGANO, MA SI ACCORDANO PER SPARTIRSI LA RAI

RAIcavallo.jpgLega e Pdl sembrano darsele di santa ragione, ma guardando quello che accade in Rai – che com’è noto è il luogo dove si manifestano gli assetti visibili del potere e dove si gioca la conquista del consenso – le liti Berlusconi-Bossi e anche i distinguo di Maroni appaiono solo una pantomima, perché a Viale Mazzini la vecchia alleanza non ha mai smesso di funzionare, e soprattutto si prepara ad un blitz “pigliatutto” in piena regola.

 

Il giorno cruciale è domani, quando il Cda e la direttrice generale Lorenza Lei (contrastati dal presidente Garimberti) cercheranno di procedere a un’assegnazione di numerose poltrone decisive, a partire dalla direzione del Tg1 post Minzolini, a giornalisti targati esclusivamente Pdl e Lega, come spiega bene Goffredo De Marchis nell’articolo che allego.

testo.asp?d=77174045

NEI TG ANCHE A DICEMBRE UN PESANTE SBILANCIAMENTO PRO PDL

Tutto questo rischia come al solito di inquinare il dibattito politico in vista delle prossime elezioni amministrative, consolidando lo sbilanciamento editoriale pro-Pdl evidenziato ancora nei giorni scorsi dall’Osservatorio di Pavia: anche dopo la caduta di Berlusconi e l’arrivo di Monti, infatti, lo spazio dedicato al Pdl è largamente superiore a quello del Pd in tutti i tg nazionali, escluso il Tg3. Impressionante lo squilibrio informativo delle tre reti Mediaset, dove gli interventi diretti dei politici del centro-destra non solo superano da tre (Tg5) a 17 volte (Studio Aperto) quelli della sinistra, ma triplicano anche l’informazione dedicata al governo (alla faccia di chi rilevava una sparizione dei politici dalla televisione).

Per quanto riguarda la Rai gli spazi sono così suddivisi:

Tg1: governo 27.4, Pd 12.1, Pdl 21

Tg2: governo 20, Pd 16.4, Pdl 19

Tg3: governo 18.8, Pd 24.4, Pdl 19.7

Su La 7 infine il governo ha il 30.3% degli spazi, il Pd il 9.2 e il Pdl il 27.5.

Detto questo, vista la “popolarità” dei politici in questo momento, forse stare tanto in televisione non giova molto agli esponenti del Pdl…

E NEL RAPPORTO SULLA LIBERTÀ DI STAMPA L’ITALIA FINISCE AL 61. POSTO

Libertàstampa.jpegMa non c’è dubbio che anche questo comparto, così decisivo per il corretto svolgimento delle dinamiche democratiche, debba essere in qualche modo bonificato, anche considerando che nel Rapporto 2011 di Reporter sans frontières sulla libertà di stampa nel mondo l’Italia è scivolata dal 49. Al 61. posto, e si trova superata da paesi come Haiti, Borsia Erzegovina e Guyana.

PDL E LEGA LITIGANO, MA SI ACCORDANO PER SPARTIRSI LA RAIultima modifica: 2012-01-30T11:27:00+01:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in cinema e tv, Informazione e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *