AL CALDO D’INVERNO E AL GELO D’ESTATE: COSI’ “RISPARMIAMO” ENERGIA

aria condizionata,caldo,freddo,estate,inverno,risparmio energeticoSapete da cosa riconosco che è arrivata l’estate? Dal fatto che in ufficio e sui treni (in particolare i locali più moderni) devo infilarmi una giacca altrimenti 1) mi metto a sternutire come un geiser, 2) mi viene un attacco di mal di pancia che… (va beh, questa similitudine ve la risparmio).
Insomma, abbiamo appena respinto il ricorso all’energia nucleare col referendum, ma quanto a renderci conto che questo ci obbliga (salvo indebitarci per sempre con i paesi autoritari produttori di petrolio e di gas) a risparmiare energia, cioè a tenerci un po’ di caldo d’estate e un po’ più di freddo d’inverno, questo nemmeno per sogno! 22 gradi in redazione, e non c’è verso di farsi alzare la temperatura di un paio di gradi, e non oso pensare a quanti gradi saranno nelle ghiacciaie delle ferrorie dello stato.aria condizionata,caldo,freddo,estate,inverno,risparmio energetico
E’ un costoso paradosso quello a cui ci sottoponiamo: se d’inverno stiamo in un ufficio con 22 gradi, ci lamentiamo per il freddo e corriamo ad alzare il termosifone; e se d’estate ci sono invece 26-27 gradi lo troviamo un caldo insopportabile. E così maniche di camicia e magari finestre aperte d’inverno, pullover e brividi d’estate. E naturalmente choc termico quando si esce all’aperto.
Ma quanto ci costa tutto questo, in soldi e in salute?

AL CALDO D’INVERNO E AL GELO D’ESTATE: COSI’ “RISPARMIAMO” ENERGIAultima modifica: 2011-07-03T01:15:00+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in costume, società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *