CENTRI SOCIALI SCATENATI, DA PADOVA A NAPOLI A ROMA: L’OBBIETTIVO E’ DANNEGGIARE LA SINISTRA RIFORMISTA

Disordini.jpegDopo gli episodi padovani, i centri sociali sono protagonisti di scaramucce a Roma con gli estremisti di destra di Casa Pound e dell’aggressione al candidato sindaco del centro-destra a Napoli, Lettieri.

Non è un caso che spuntino adesso, quando la destra sta vacillando e il Pd si sta riaffacciando alla luce del mondo. Non voglio fare accostamenti incongrui fra epoche e movimenti lontani, ma se c’è una cosa che abbiamo capito, da Guido Rossa in poi, è che l’estremismo è il peggior nemico della sinistra riformista. E che una sinistra che vince è il peggior nemico dell’estremismo intollerante, che quindi cerca di sbarrarle la strada elettoralmente.

Non so se c’è una strategia dietro, o se sono solo “intemperanze” di qualcuno fra i militanti più accesi, ma c’è un motivo preciso alla radice di questo atteggiamento, senza tante dietrologie: gli intolleranti non possono avere spazi di manovra e aizzare le masse incazzate, in presenza di politiche efficacemente riformiste. Il loro motto è “tanto peggio, tanto meglio”. Non intendono governare i processi, preferiscono di gran lunga infiammarli, incuranti degli effetti delle loro azioni. Sono amici solo di se stessi, non del popolo che dicono di rappresentare e difendere.

 

CENTRI SOCIALI SCATENATI, DA PADOVA A NAPOLI A ROMA: L’OBBIETTIVO E’ DANNEGGIARE LA SINISTRA RIFORMISTAultima modifica: 2011-04-30T10:52:26+02:00da sergiofrigo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *